Indennità per assistenza figlio disabile grave - E' pignorabile?

Indennità per assistenza figlio disabile per tre anni pagata dall'INPS al 30% (permessi legge 104/92), è pignorabile?

L'articolo 33 della Legge 104/92 assegna permessi retribuiti ai lavoratori dipendenti, assicurati per le prestazioni economiche di maternità, quando la persona che li richiede, o il figlio per il quale sono richiesti, si trovi in situazione di disabilità grave.

Dunque, il beneficio consiste in una retribuzione sostitutiva dello stipendio erogata in continuità, nonostante la mancata prestazione lavorativa.

Non si tratta, pertanto, di una misura di sostegno al reddito e come tale assimilabile, in base alla sentenza 85/2015 della Corte costituzionale, ad una prestazione previdenziale nonché pignorabile esclusivamente per la parte eccedente il minimo vitale.

Si tratta, invece, di un'indennità relativa al rapporto di lavoro, che l'articolo 545 del codice di procedura civile sancisce pignorabile nella misura del 20%, per crediti ordinari.

20 dicembre 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

minimo vitale
pignoramento - situazioni particolari
pignoramento indennità di congedo parentale e di assistenza disabili
pignoramento stipendio

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Legge 104 - Indennità per madre che assiste figlio con grave handicap: va corrisposta anche nella tredicesima
La legge prevede il diritto della madre che presta assistenza al proprio bambino con handicap, in situazione di gravità, di fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperti da contribuzione figurativa. I contributi figurativi, per chi non lo sapesse, sono contributi accreditati, senza onere a carico del lavoratore. Ad ...
Permessi per l'assistenza ai disabili anche per le coppie di fatto » Nuove regole in vigore per la domanda di applicazione dei benefici della legge 104
Nell'ambito della materia dell'assistenza agli affetti da grave disabilità, ovvero tutto ciò che ruota intorno alla famosa Legge 104, sono state approvate interessanti novità: vediamo di cosa si tratta. Con la circolare numero 38 del 27 febbraio 2017, l'INPS ha fornito le istruzioni operative relative alla concessione dei permessi ai ...
Disabile incollocato e disabile semplicemente disoccupato - Cambia il modo di provare il possesso dei requisiti per la pensione di invalidità
Esiste una differenza sostanziale fra il disabile incollocato al lavoro e il disabile semplicemente disoccupato: il disabile incollocato al lavoro non è semplicemente disoccupato, ma è il disabile che, essendo privo di lavoro, si è anche iscritto negli elenchi speciali per l'avviamento al lavoro, attivando il meccanismo per l'assunzione obbligatoria. ...
L'indennità di accompagnamento corrisposta agli invalidi non può rientrare nel calcolo del reddito ai fini ISEE
Com'è noto, il DPCM 159/13 ha rivisto le modalità per la determinazione ed i campi d'applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente (ISEE). In particolare, le nuove misure hanno incluso, nella definizione di reddito disponibile pure l'indennità di accompagnamento e i trattamenti risarcitori percepiti dai disabili a causa della loro accertata ...
Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande