Assegno smarrito dal creditore che non ha presentato denuncia – Io ho pagato comunque l’importo » Cosa rischio?

Ho emesso un assegno con data 31/01/2018 il creditore ha smarrito l’assegno ed io l’ho ricoperto senza che egli abbia fatto una denuncia. Posso bloccare il pagamento dell’assegno con data 31/01/2018? Se è Si a cosa vado incontro?

Una volta scaduto il termine di presentazione, come nella fattispecie, l’assegno non è più protestabile in caso di mancato pagamento per ordine di revoca disposto alla banca dal traente (colui che ha emesso l’assegno).

Il termine di presentazione di un assegno è così articolato:

  • 8 giorni, se l’assegno bancario è pagabile nello stesso comune in cui è emesso;
  • 15 giorni, se l’assegno bancario è pagabile in un comune diverso da quello in cui fu emesso;
  • 20 giorni, se l’assegno bancario è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu emesso, ma europeo o appartenente al bacino del Mediterraneo;
  • 60 giorni, se l’assegno bancario è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu emesso ed appartenente ad un diverso continente .

La legge, infatti, stabilisce che l’ordine di non pagare l’importo facciale dell’assegno bancario, o postale, ha effetto solo dopo che sia spirato il termine di presentazione.

La norma ha la doppia funzione di garantire la conservazione della provvista, a tutela dell’affidamento del beneficiario, quanto meno fino alla scadenza del termine di presentazione, e di consentire al traente, scaduto tale termine, di riacquistare la libertà di disporre della provvista, potendo l’assegno essere pagato anche successivamente alla scadenza di esso.

Tuttavia, in caso di mancato pagamento, l’assegno, anche non protestato, può essere utilizzato come titolo esecutivo e, quindi, il beneficiario può notificare il precetto, entro sei mesi dalla scadenza del termine di presentazione, a chi ha emesso l’assegno (azione diretta).

Concludendo: lei deve bloccare l’assegno smarrito dal creditore, ma deve essere anche consapevole che se il creditore presenta all’incasso l’assegno che ha dichiarato smarrito e la banca non paga in seguito a ordine di revoca, il creditore potrà avviare azione esecutiva (precetto) nei suoi confronti entro sei mesi dalla scadenza del termine di pagamento e successivamente procedere a riscossione coattiva (pignoramento stipendio, conto corrente).

2 Aprile 2018 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Voglio bloccare il pagamento di un assegno ma la banca mi dice che non posso
In riferimento a questa discussione, stamattina mi sono recato in banca per bloccare un assegno con data 31/01/2018 e la direttrice mi ha detto che non è possibile bloccarlo, lo possono fare solo con denuncia di smarrimento. Il tizio l'assegno lo ha smarrito però non ha fatto ancora la denuncia ed io in fiducia ho ricoperto quell'assegno. Come mi devo comportare? ...

Protesto di assegno rubato o smarrito - la denuncia non salva dalla segnalazione al RIP
Il protesto di assegno rubato, smarrito o sottratto, presentato all'incasso, è un atto pienamente legittimo e corrispondente alle regole del diritto cartolare, anche se: il titolare del conto corrente ha sporto regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria, trasmettendone tempestivamente copia prima della presentazione dell'assegno allo sportello; il conto corrente è provvisto della liquidità necessaria a coprire l'importo cartolare e l'assegno è sottoscritto con firma conforme conforme a quella depositata presso la banca dal correntista; l'assegno reca una firma di traenza illeggibile e/o non corrispondente a quella depositata presso la banca dal correntista. Infatti, la banca non ha altra possibilità di condotta se ...

Incasso di un assegno presentato allo sportello dopo la scadenza dei termini
Buonasera a tutti, ho un grosso problema: ho in mano un assegno bancario non trasferibile a mio nome che è datato 2011. Non l'ho mai incassato per accordi con chi l'ha emesso, ed ora che questi accordi sono stati disattesi mi sono presentato per versarlo. Il cassiere ha subito detto che i loro sistemi non permettevano la registrazione di una data così vecchia. Allora mi sono rivolto al direttore che ora sta interpellando l'ufficio legale della banca per sapere cosa deve fare. Chiedo una cosa importante. Siccome il correntista che ha emesso l'assegno, anche lui titolare del conto nella stessa ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegno smarrito dal creditore che non ha presentato denuncia – Io ho pagato comunque l’importo » Cosa rischio?