Assegno smarrito dal creditore che non ha presentato denuncia – Io ho pagato comunque l’importo » Cosa rischio?


Assegno - termini di presentazione

Ho emesso un assegno con data 31/01/2018 il creditore ha smarrito l’assegno ed io l’ho ricoperto senza che egli abbia fatto una denuncia. Posso bloccare il pagamento dell’assegno con data 31/01/2018? Se è Si a cosa vado incontro?

Una volta scaduto il termine di presentazione, come nella fattispecie, l’assegno non è più protestabile in caso di mancato pagamento per ordine di revoca disposto alla banca dal traente (colui che ha emesso l’assegno).

Il termine di presentazione di un assegno è così articolato:

  • 8 giorni, se l’assegno bancario è pagabile nello stesso comune in cui è emesso;
  • 15 giorni, se l’assegno bancario è pagabile in un comune diverso da quello in cui fu emesso;
  • 20 giorni, se l’assegno bancario è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu emesso, ma europeo o appartenente al bacino del Mediterraneo;
  • 60 giorni, se l’assegno bancario è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu emesso ed appartenente ad un diverso continente .

La legge, infatti, stabilisce che l’ordine di non pagare l’importo facciale dell’assegno bancario, o postale, ha effetto solo dopo che sia spirato il termine di presentazione.

La norma ha la doppia funzione di garantire la conservazione della provvista, a tutela dell’affidamento del beneficiario, quanto meno fino alla scadenza del termine di presentazione, e di consentire al traente, scaduto tale termine, di riacquistare la libertà di disporre della provvista, potendo l’assegno essere pagato anche successivamente alla scadenza di esso.

Tuttavia, in caso di mancato pagamento, l’assegno, anche non protestato, può essere utilizzato come titolo esecutivo e, quindi, il beneficiario può notificare il precetto, entro sei mesi dalla scadenza del termine di presentazione, a chi ha emesso l’assegno (azione diretta).

Concludendo: lei deve bloccare l’assegno smarrito dal creditore, ma deve essere anche consapevole che se il creditore presenta all’incasso l’assegno che ha dichiarato smarrito e la banca non paga in seguito a ordine di revoca, il creditore potrà avviare azione esecutiva (precetto) nei suoi confronti entro sei mesi dalla scadenza del termine di pagamento e successivamente procedere a riscossione coattiva (pignoramento stipendio, conto corrente).

2 Aprile 2018 · Carla Benvenuto

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 151 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Assegno smarrito dal creditore che non ha presentato denuncia – Io ho pagato comunque l’importo » Cosa rischio?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.