Assegno scoperto segnalazione in CAI e revoca di sistema - Da quando inizia?

Sono stato protestato per un assegno che non sono riuscito a coprire nei giusti termini: vorrei sapere a partire da quando si calcola il tempo per il divieto di emettere assegni: dalla data nominale del titolo o da quella in cui il prefetto mi ha comunicato il divieto? Chiedo questo perché tra le due date c'è molta differenza (quasi un anno!)

In caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per mancanza di autorizzazione o di provvista, la banca iscrive il nominativo di colui che ha emesso l'assegno nella Centrale di Allarme Interbancaria (CAI).

La revoca comporta il divieto, della durata di sei mesi, per qualunque banca e ufficio postale di stipulare nuove convenzioni di assegno con il traente (chi emette l'assegno) e di pagare gli assegni emessi dal traente dopo l'iscrizione nell'archivio, anche in presenza di provvista.

Quindi, per un semestre la revoca ha inizio dalla data di iscrizione in CAI, così come comunicato dalla Banca nel preavviso di segnalazione.

Successivamente, il Prefetto può irrogare ulteriori sanzioni e/o periodi di revoca dalla facoltà di emettere assegni. In questo caso il divieto decorre dalla data di notifica dell'ordinanza prefettizia.

29 gennaio 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

CAI - segnalazione per assegni privi di copertura

Approfondimenti e integrazioni dal blog

TAN - Tasso Annuo Nominale
Nei messaggi promozionali che propongono pagamenti rateali siamo abituati alla specificazione del TAN (Tasso Annuo Nominale). Anche nei contratti di mutuo il Tasso Annuo Nominale gioca il ruolo principale. Ciò perché il TAN è il tasso più semplice a cui si possa fare riferimento. Rappresenta l'interesse annuo applicato ad un ...
Assegno postdatato - Quando la revoca di sistema è successiva a quella di compilazione
L'assegno, bancario o postale postdatato, non diversamente da quello regolarmente datato, deve considerarsi venuto ad esistenza come titolo di credito e mezzo di pagamento al momento stesso della sua emissione, che coincide con la data indicata sul titolo. Ne discende che se l'assegno risulta presentato all'incasso dal beneficiario, sulla base ...
Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse ...
Assegno scoperto - In assenza di giranti il protesto è legittimo ma l'omessa levata non comporta il risarcimento danni per il beneficiario
Il protesto, quale presupposto formale dell'azione di regresso nei confronti dei giranti, risponde all'esigenza di rilevare il rifiuto del pagamento del titolo, con l'efficacia dell'atto pubblico, onde dare a tali soggetti "certezza" circa l'effettivo verificarsi del presupposto sostanziale della loro responsabilità. Questa finalità non è tuttavia esclusiva: la pubblicazione nel ...
Pagamento tardivo dell'assegno - come evitare la revoca di autorizzazione e l'iscrizione in CAI
In caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per mancanza di autorizzazione o di provvista, la banca iscrive il nominativo del traente (chi ha emesso l'assegno) nell'archivio CAI. L'iscrizione è effettuata: nel caso di mancanza di autorizzazione, entro il ventesimo giorno dalla presentazione al pagamento ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca