Incassare un assegno scaduto da due anni quando il traente è deceduto

Ho un assegno postale scaduto da due anni, il redattore è morto, ma i soldi sono ancora sul conto esiste una procedura per incassarlo?

Il Regio Decreto 1736/1933 (legge assegni) dispone, all’articolo 32, che l’assegno bancario deve essere presentato al pagamento nel termine di otto giorni se è pagabile nello stesso comune in cui fu emesso; di quindici giorni se è pagabile in un altro comune dello Stato e che I termini suddetti decorrono dal giorno indicato nell’assegno bancario come data di emissione.

Tuttavia l’articolo 35, sempre della legge assegni, dispone che l’eventuale ordine del traente di non pagare la somma dell’assegno bancario non ha effetto che dopo spirato il termine di presentazione. In mancanza di tale ordine, il trattario può pagare anche dopo spirato detto termine.

Ma attenzione: l’articolo 35 della legge assegni deve essere letto nel senso che, scaduto il termine di presentazione, ove non sia stato revocato l’assegno, la banca può anche rifiutare, indipendentemente dall’esistenza della provvista, il pagamento del titolo. Peraltro, se la banca è a conoscenza della morte del titolare del conto corrente, è del tutto giustificato e improntato a principi di sana prudenza il rifiuto al pagamento di un assegno presentato ben oltre (due anni nella specie) i termini stabiliti dalla normativa vigente (Arbitro Bancario Finanziario, decisione 7407/2016).

Ed allora, il beneficiario può senz’altro presentare l’assegno all’incasso (non si tratta di azione illegittima, vietata o fraudolenta e non integra reato, se l’assegno non è contraffatto). Ma il beneficiario deve essere consapevole che la banca può, altrettanto legittimamente, opporre un rifiuto al pagamento sulla base dei motivi che seguono:

  1. il conto corrente risulta bloccato dagli eredi, in attesa che sia completata la procedura di scioglimento della comunione ereditaria;
  2. prima del decesso il traente può avere revocato il pagamento dell’assegno emesso (a partire, naturalmente, dalla scadenza del termine di presentazione);
  3. la banca autonomamente decide, per prudenza, di non dover procedere al pagamento di un assegno dopo il decorso dei termini di presentazione e il decesso del traente.

Nell’ipotesi di diniego del pagamento, il beneficiario può solo esperire un’azione giudiziale finalizzata ad accertare la esigibilità del credito portato dall’assegno, sulla base della prova di un rapporto contrattuale sottostante intercorso con il traente deceduto, che possa giustificare l’emissione, al tempo, dell’assegno a suo favore. Solo successivamente, il beneficiario potrà rivolgersi agli eredi del defunto (caso numero 1 e 2) o alla banca (caso numero 3) per riscuotere il credito.

10 Novembre 2017 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno postale scaduto da sei mesi ma non incassato
Assegno postale scaduto da sei mesi ma non incassato: assegno fatto ad un parente per compera eredità (mio zio), ora questo parente mi vuole donare questo bene, senza riscuotere l'importo ed è pronto a restituire l'assegno. La mia domanda è come mi devo tutelare, blocco il pagamento e accetto la restituzione. ...

Possibili conseguenze della revoca del pagamento di un assegno scaduto
Nel 2019 ho aperto un conto corrente e ho chiesto il libretto degli assegni per poter pagare i servizi di un'agenzia immobiliare: l'agenzia si e rivelata un covo di serpenti scorretti al limite della truffa. Ho lasciato loro un assegno al nome dell'agenzia di importo pari a 1350 euro. Quando ho visto che tipi sono, me ne sono voluta andare ma loro dicono che devo pagare la loro provvigione sulla casa che mi hanno trovato. Io non voglio pagare perché alla fine la casa non l'ho comprata. L'assegno caparra però e rimasto ma sono trascorsi 2 mesi. Loro minacciano di ...

Traente impone all'istituto di credito di non pagare l'assegno » Sussiste rischio di protesto
Nel caso in cui il traente imponga al proprio istituto di credito di non pagare un assegno bancario, esiste il pericolo di protesto. Pensateci due volte prima di ordinare alla vostra banca di non pagare un assegno già emesso. In questa fattispecie si rischia, infatti, di subire un protesto. Il pericolo sussiste anche se si ritiene che il soggetto a cui è stato consegnato il titolo non abbia più ragioni di credito nei confronti del traente. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 23077/14. A parere degli Ermellini il traente che, dopo aver emesso il titolo, ordini alla ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Incassare un assegno scaduto da due anni quando il traente è deceduto