Assegno protestato - il creditore può bloccare o prendere i soldi dalla mia carta ricaricabile?

La mia domanda è: se io ho emesso un assegno che mi è andato in protesto e sono passati 60 giorni, possono bloccare o prendere i soldi che ho sul mio conto ricaricabile?

L'assegno non pagato, anche se non protestato, costituisce titolo esecutivo, laddove il rifiuto del pagamento per insufficiente o totale disponibilità della liquidità necessaria, sia certificata con dichiarazione della banca riportata sull'assegno.

Il che vuol dire, in pratica, che il creditore può farle notificare un precetto dall'Ufficiale giudiziario, con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento.

Trascorsi inutilmente i quali, il creditore può avviare un pignoramento presso terzi, ovvero chiedere all'istituto, presso il quale il debitore intrattiene un rapporto di conto corrente, di consegnare all'Ufficiale Giudiziario le disponibilità residue, giacenti anche su carta ricaricabile emessa dalla banca medesima, fino a copertura del credito per il quale si agisce.

Insomma, si potrebbe pensare di togliere i soldi dalla ricaricabile appena notificato il precetto. Ma, bisogna stare sempre attenti alle notifiche perfezionate per compiuta giacenza, quando il destinatario dell'atto di precetto risulta temporaneamente irreperibile.

27 agosto 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno scoperto
protesto assegno

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno circolare - deve essere incassato entro 30 giorni dalla data di emissione
L'assegno circolare è un titolo di credito emesso da una banca autorizzata per somme che siano presso di essa disponibili al momento dell'emissione. Esso é pagabile a vista e non può essere emesso senza il nome del beneficiario. L'assegno circolare deve essere presentato al pagamento entro 30 giorni dalla data ...
Condominio: assegno non pagato » A chi deve essere elevato il protesto?
In caso di mancato pagamento di un assegno del condominio, a chi va elevato il protesto: all'amministratore condominiale, al condominio in se per se o ai singoli inquilini? Chiariamo la questione. Come chiarito in nostri precedenti interventi, la riforma del condominio ha obbligato l'amministratore condominiale a far transitare tutte le ...
Traente impone all'istituto di credito di non pagare l'assegno » Sussiste rischio di protesto
Nel caso in cui il traente imponga al proprio istituto di credito di non pagare un assegno bancario, esiste il pericolo di protesto. Pensateci due volte prima di ordinare alla vostra banca di non pagare un assegno già emesso. In questa fattispecie si rischia, infatti, di subire un protesto. Il ...
Carta prepagata ricaricabile con IBAN
La carta prepagata ricaricabile con IBAN è una carta prepagata nominativa, ricaricabile, riservata alle persone fisiche che abbiano raggiunto la maggiore età e che abbiano l'esigenza di effettuare le principali operazioni bancarie senza la necessità di aprire un conto corrente e senza dover sostenere alcun costo di emissione e di ...
Protesto legittimo per l'amministratore che non specifica di avere agito per il condominio
E' valido il protesto nei confronti dell'amministratore condominiale, come persona fisica, che, nell'emettere un assegno scoperto, non ha specificato di avere agito per conto del condominio. Infatti, è legittimo il protesto emesso nei confronti dell'ex amministratore che emette un assegno senza specificare la spendita della qualità di legale rappresentante del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca