Assegno non trasferibile e contanti

Ho debiti per un mutuo causa la mia malattia, ora sono stato licenziato sempre causa malattia e devo riscuotere tramite assegno la buonuscita e il tfr per un importo di 25 mila euro circa e non avendo un conto su cui versarli dovrò scambiarli.

Chiedevo la banca può in qualche modo bloccare l'assegno o trattenermi i contanti visto che ho debiti, premettendo che la banca non è la stessa del mutuo, e in quanto tempo deve liquidarmi?

Il creditore dovrebbe avere ottenuto un decreto ingiuntivo nei suoi confronti, averle notificato l'atto di precetto e conoscere la banca a cui è stato dato l'incarico di emettere un assegno a suo favore, per avviare un'azione esecutiva di pignoramento presso terzi.

Direi che può valutare da solo la probabilità che si verifichi l'evento che teme.

Per quanto attiene il cambio dell'assegno, non disponendo di un conto corrente, lei può presentarlo solo presso uno sportello appartenente all'Istituto che emette l'assegno a suo favore (banca trattaria).

La banca trattaria deve consegnarle il contante entro i quattro giorni lavorativi successivi alla data di presentazione dell'assegno all'incasso.

1 agosto 2014 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno bancario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...
Assegno non trasferibile pagato dalla banca a persona diversa dal beneficiario - Il traente ha diritto alla restituzione dell'importo
La legge stabilisce (Regio Decreto numero 1736 del 1933, articolo 43) che l'assegno bancario, emesso con la clausola “non trasferibile”, non può che essere pagato al beneficiario o, a richiesta di questo, accreditato sul suo conto corrente; chi paga a persona diversa “risponde” del pagamento. Giurisprudenza ampiamente consolidata precisa che ...
Validità della girata in bianco di un assegno trasferibile in nome e per conto di una società
Com'è noto, la girata di un assegno trasferibile (quindi con importo facciale minore di mille euro) può essere piena o in bianco. Si dice piena se insieme alla firma di colui che gira l'assegno (girante) viene apposta anche l'indicazione del giratario, ovvero del nuovo beneficiario. E' in bianco, qualora il ...
Attività lavorativa in malattia e licenziamento per giusta causa
Lo svolgimento di attività lavorativa nel periodo di malattia giustifica il licenziamento se fa presumere l'inesistenza della malattia stessa o se pregiudica o ritarda la guarigione La giurisprudenza ritiene che il lavoratore in malattia non ha l'obbligo assoluto di astenersi da qualsivoglia attività lavorativa. Egli può svolgere attività lavorativa nel ...
Assegno - obbligo della clausola non trasferibile per assegni di importo pari o superiore a 1.000 euro
Per assegni bancari, postali e circolari di importo pari o superiore a 1.000 euro è obbligatoria la clausola di "non trasferibilità". E' possibile richiedere per iscritto il rilascio di moduli di assegni utilizzabili senza clausola “non trasferibile” esclusivamente per importi inferiori a 1.000 euro, ma bisogna corrispondere - a titolo ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca