Assegno non trasferibile e contanti

Ho debiti per un mutuo causa la mia malattia, ora sono stato licenziato sempre causa malattia e devo riscuotere tramite assegno la buonuscita e il tfr per un importo di 25 mila euro circa e non avendo un conto su cui versarli dovrò scambiarli.

Chiedevo la banca può in qualche modo bloccare l’assegno o trattenermi i contanti visto che ho debiti, premettendo che la banca non e’ la stessa del mutuo, e in quanto tempo deve liquidarmi?

Il creditore dovrebbe avere ottenuto un decreto ingiuntivo nei suoi confronti, averle notificato l’atto di precetto e conoscere la banca a cui è stato dato l’incarico di emettere un assegno a suo favore, per avviare un’azione esecutiva di pignoramento presso terzi.

Direi che può valutare da solo la probabilità che si verifichi l’evento che teme.

Per quanto attiene il cambio dell’assegno, non disponendo di un conto corrente, lei può presentarlo solo presso uno sportello appartenente all’Istituto che emette l’assegno a suo favore (banca trattaria).

La banca trattaria deve consegnarle il contante entro i quattro giorni lavorativi successivi alla data di presentazione dell’assegno all’incasso.

1 Agosto 2014 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno non trasferibile e contanti
Il creditore dovrebbe avere ottenuto un decreto ingiuntivo nei suoi confronti, averle notificato l'atto di precetto e conoscere la banca a cui è stato dato l'incarico di emettere un assegno a suo favore, per avviare un'azione esecutiva di pignoramento presso terzi. Direi che può valutare da solo la probabilità che si verifichi l'evento che teme. Per quanto attiene il cambio dell'assegno, non disponendo di un conto corrente, lei può presentarlo solo presso uno sportello appartenente all'Istituto che emette l'assegno a suo favore (banca trattaria). La banca trattaria deve consegnarle il contante entro i quattro giorni lavorativi successivi alla data di ...

Assegno non trasferibile e delega per incasso
In merito alla possibilità di incassare un assegno non trasferibile attraverso una delega con certificazione sostitutiva di atto notorio, pongo il quesito che segue. Francesca è legale rappresentante di una società in accomandita semplice, Ugo è socio accomandante: la sas non ha più nessun c/c bancario e nessuna banca o ufficio postale vuole aprirglielo. La sas riceve un assegno di 1900 euro tratto da una filiale banca con sede a Monza. Francesca, per motivi di salute, non può viaggiare. Con una delega con atto notorio, se Ugo si reca a Monza, può incassare l'assegno? ...

Assegno emesso senza clausola non trasferibile e sanzioni - Che faccio ora?
Per sbaglio ad Aprile ho fatto un assegno di 75.000 come rata per l'acquisto della mia nuova casa e, possedendo un libretto parecchio datato, ho dimenticato di apporre la clausola NON TRASFERIBILE. Purtroppo, né la ditta costruttrice, né il suo istituto di credito, né la mia banca mi hanno avvertito e l'assegno è stato incassato. Così, qualche giorno fa mi è arrivata una raccomandata dall'ufficio antiriciclaggio con una bella multa di 3750 euro, pari al 5% dell'importo. Io ho la fattura del costruttore che prova il fatto che l'assegno serve per comprarmi casa, può farmi evitare l'ammenda? Ho agito in ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegno non trasferibile e contanti