Assegno non pagato per mancanza fondi

Oggi scade un assegno che non ho potuto pagare per mancanza fondi e non posso pagare perché in questo momento ho grandi difficoltà: inoltre ci sono altri due assegni depositati che non hanno ancora raggiunto i termini di 60 giorni per il pagamento tardivo.

La mia domanda è ora assegno i quali 60 giorni per pagamento tardivo è oggi verrà protestato di conseguenza anche gli altri due?

E poi ci sono altri assegni emessi a suo tempo da me che devono essere presentati cosa succede in questo caso non verranno accettati dalla banca e poi dovrò io vedersela direttamente con il creditore?

E nel caso io voglia chiudere il conto devo pagare le somme degli assegni presentati che sono in banca?

Il rifiuto del pagamento di un assegno portato all'incasso in tempo utile può essere constatato con un protesto, che, tuttavia, deve essere effettuato prima che sia spirato il termine di presentazione (articoli 45 e 46 legge assegno).

Molto probabilmente, quindi, il protesto non sarà elevato per i tre assegni senza copertura già presentati all'incasso: il protesto si rivela effettivamente utile al portatore solo in caso di assegno con girate, per poter eventualmente esercitare l'azione di regresso nei confronti di uno dei giranti (quello potenzialmente più escutibile. L'iscrizione al RIP (Registro Informatico dei Protesti) svolge essenzialmente una funzione di pubblicità (negativa per il traente) ma è meno utile al beneficiario/portatore di quanto sia la procedura di iscrizione al CAI (centrale d'Allarme Interbancaria).

Tuttavia, non potrà rallegrarsi per lo scampato pericolo del protesto. Non adempiendo al pagamento tardivo degli assegni, lei verrà iscritta al CAI e vi rimarrà per più di sei mesi, in conseguenza della sua conclamata recidività nell'emettere assegni privi di copertura; il Prefetto provvederà a comminare nei suoi confronti salatissime sanzioni amministrative che, in caso di inadempimento, verranno escusse coattivamente con procedura esattoriale (Equitalia) e a prolungare i tempi di permanenza in CAI; potrà dire addio alla possibilità di emettere assegni (revoca di sistema) per tempi indefiniti.

Il conto corrente potrà chiuderlo indipendentemente dalla vicenda dei protesti e delle iscrizioni in Cai: ma, temo, sarà la banca a rescindere il rapporto di conto corrente con lei.

9 settembre 2016 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

CAI - segnalazione per assegni privi di copertura
pagamento tardivo assegno o in seconda presentazione
protesto assegno

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno scoperto - Il preavviso di iscrizione in CAI va notificato anche al soggetto eventualmente delegato all'emissione
Nel caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per difetto di provvista, la legge 386/1990 (articolo 9 bis) dispone che la banca comunichi al traente (il titolare del conto corrente da cui è stato emesso l'assegno) che, decorso il termine di sessanta giorni dalla data ...
Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...
Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?
Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista. Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, ...
Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...
L'ordine di non pagare l'assegno ha efficacia solo dopo la scadenza del termine di presentazione
L'assegno è un titolo esecutivo: ciò significa che, se presentato all'incasso nei termini previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere pagato. Il termine di presentazione è: otto giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso; quindici giorni, se l'assegno è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Tassonomie

Cerca