Assegno circolare falso – responsabilità della banca

Ho effettuato una vendita ricevendo un assegno circolare falso. prima di consegnare il bene oggetto della transazione, mi sono recato in banca per fare verificare la validità dell’assegno ricevuto.

La mia banca ha effettuato la verifica dicendomi che l’assegno era stato emesso regolarmente. Tutto questo per le vie brevi, senza alcuna certificazione o documentazione attestante quanto dichiarato verbalmente.

Dopo 3 gg dal versamento, la banca mi ha comunicato che l’assegno si era rivelato falso.

Quale responsabilità può ravvisarsi a carico dell’istituto? La banca non avrebbe potuto/dovuto suggerirmi di attivare il “benestare fondi” per tutelare la posizione del cliente? Posso costituirmi parte civile nei confronti della mia banca? Con quali chances di ottenere soddisfazione? Preciso che si tratta di un importo pari a 28.000 euro. Preciso infine, che da indagini svolte dai carabinieri, le generalità e quindi il documento dell’acquirente si è rivelato essere falso.

Il prevalente orientamento giurisprudenziale in materia esige, da parte delle banche, il dispiegamento di un grado di diligenza qualificata, in quanto consono allo status professionale dell’operatore bancario.

Né vale opporre che il cliente non avrebbe formalmente richiesto il “bene emissione”, ovvio essendo che la richiesta di saggiare la validità del titolo esprimesse il bisogno di sapere, da una voce professionale (quella del cassiere della banca di propria fiducia), se l’assegno presentasse o meno elementi tali da lasciar dubitare della sua autenticità.

L’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) si è già espresso, con la decisione 667/12, a favore di soggetto truffato con l’emissione di un assegno circolare sottoposto all’attenzione del cassiere prima della consegna del bene oggetto di compravendita, ricevendo rassicurazioni sulla sua validità.

Può pertanto provare a seguire la procedura di ricorso all’ABF (ma è necessario, innanzitutto, l’inoltro di un reclamo alla banca). Il ricorso all’ABF non richiede costi (a parte il contributo di segreteria pari a 20 euro) ed assistenza tecnica di un avvocato; può essere presentato anche con invio dell’istanza tramite raccomandata AR. Ulteriori info qui.

1 Marzo 2016 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Può una banca bloccare l'incasso di un suo assegno circolare?
Per una vendita di un immobile (25% di mia proprietà ), dovrei incassare dalla banca che effettua il mutuo all'acquirente un assegno circolare per la quota di mia competenza. Purtroppo ho in corso con tale banca un procedimento di esproprio contro di me per un altro immobile, dato a suo tempo in garanzia per altri fatti.Il debito attuale è superiore al valore dell'immobile dato come garanzia. Ora abbiamo l'appuntamento dal notaio per la vendita e vorrei cortesemente sapere se il circolare che mi verrà dato può essere bloccato successivamente dalla banca e non pagato. ...

Assegno circolare che la banca non vuole pagare perchè mia creditrice - Posso versarlo in un altro conto corrente?
Dopo aver vinto una causa di lavoro il mio ex datore di lavoro mi ha pagato il risarcimento con assegno circolare, emesso dalla banca con la quale avevo un debito che non sono riuscito a pagare in virtù della crisi che ha portato poi ai licenziamenti, alcuni legittimi altri meno. Morale della favola la banca non mi ha voluto pagare l'assegno. Qualcuno mi ha detto che se apro un conto in un altro istituto riesco ad incassare la somma. ...

Pignoramento dello stipendio - Pagamento importo dovuto al creditore assegnatario tramite assegno circolare?
Ho effettuato un pignoramento dello stipendio al soggetto "A", che mi viene accreditato direttamente dal datore di lavoro di "A" su un cc bancario "B" a me intestato. Ho chiuso il rapporto con la banca e quindi non ho più il cc "B". Non ho altri cc e per il momento non voglio aprirne altri. Posso chiede al datore di lavoro di "A" di pagarmi la quota mensile pignorata stabilita dal giudice mediante assegno (personale o circolare) a me, creditore, intestato? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegno circolare falso – responsabilità della banca