Assegno bancoposta con firma non conforme - Cosa posso fare per recuperare il credito?

Ho ricevuto in pagamento un assegno BancoPosta a vista per l'importo di qualche centinaio di euro. Tutto sembrava essere regolare tranne scoprire all'incasso che il firmatario dell'assegno non era il titolare del conto a cui apparteneva l'assegno e non aveva comunque diritto di firma. Quale procedura adottare?

Ci sembra di capire che il suo debitore sia il soggetto firmatario dell'assegno. E che tale soggetto sia identificabile: il correntista (che ha l'obbligo di custodire il carnet di assegni) dovrà indicare chi ha firmato l'assegno, se non ha precedentemente denunciato lo smarrimento o il furto del modulo (ipotesi che escludiamo, visto il tenore del quesito).

In tal caso (se il modulo di assegni non è stato rubato o smarrito) il correntista è stato certamente già segnalato nella Centrale di Allarme Interbancaria per firma non autorizzata. Nell'ipotesi di mancanza di autorizzazione, non è consentita alcuna regolarizzazione (pagamento tardivo dell'assegno).

Se la sua banca ha effettuato il protesto dell'assegno con causale 37, ovvero assegno recante una firma di traenza non rispondente al nominativo del correntista ma ad un soggetto diverso. l'assegno protestato (che è un titolo esecutivo) dà la possibilità al creditore di avviare (senza obbligo di chiedere decreto ingiuntivo al giudice) azione esecutiva nei confronti del debitore firmatario, non autorizzato.

Vero è che l'assegno non pagato può costituire titolo esecutivo nei confronti del correntista debitore, anche senza protesto. Ma, in questo caso il debitore firmatario è un terzo e la causale del mancato pagamento dell'assegno è l'omessa autorizzazione: in tale evenienza, purtroppo, per avviare azione esecutiva verso un soggetto diverso dal correntista, bisogna necessariamente protestare l'assegno.

Se non c'è stato protesto, la situazione si fa più complicata: si potrebbe agire contro la propria banca (banca creditrice) per non aver protestato l'assegno (ma questa sicuramente opporrà di non aver voluto gravare il beneficiario con ulteriori spese a fronte dell'importo facciale esiguo); oppure contro il firmatario con azione di arricchimento senza giusta causa. Ma in entrambi i casi le spese di procedura sono assolutamente improponibili, se l'importo rimasto impagato è solo di qualche centinaio di euro (aspetto sicuramente noto al firmatario dell'assegno).

2 settembre 2018 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

protesto assegno

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Protesto di un assegno segnalato come rubato presentato al pagamento con firma di traenza non conforme a quella depositata
In tema di protesto di assegno bancario segnalato come rubato e presentato per il pagamento, nel caso in cui la firma di traenza indichi un nome completamente diverso da! titolare del conto corrente, tale che non sia in alcun modo possibile ingenerare nella banca trattaria il dubbio dell'apparente riferibilità dell'assegno ...
Assegno con firma falsa? » L'istituto di credito deve risarcire cliente
La banca deve risarcire il proprio cliente nel caso in cui abbia pagato a vista un assegno, ad un truffatore, con la firma del correntista perfettamente contraffatta. Ai fini della valutazione della responsabilità della banca nel mancato riconoscimento di un assegno falso, infatti, è compito del giudice chiamato in causa ...
Protesto di assegno rubato o smarrito - la denuncia non salva dalla segnalazione al RIP
Il protesto di assegno rubato, smarrito o sottratto, presentato all'incasso, è un atto pienamente legittimo e corrispondente alle regole del diritto cartolare, anche se: il titolare del conto corrente ha sporto regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria, trasmettendone tempestivamente copia prima della presentazione dell'assegno allo sportello; il conto corrente è provvisto della ...
Assegno tratto su conto corrente di una società - non basta la sola firma del rappresentante
Quando l'assegno è tratto su conto corrente intestato ad una società, il titolo deve contenere tutte le informazioni che consentano la chiara, certa ed univoca identificazione del soggetto giuridico titolare del conto corrente. In pratica, accanto alla firma o sigla del rappresentante, deve essere indicata la denominazione sociale, al fine ...
Assegno » La Banca può rifiutarsi di cambiarlo se non siete correntisti?
Una banca non può rifiutarsi di cambiare un assegno bancario a vista solo perché il beneficiario è sprovvisto di conto corrente presso l'istituto di credito. La normativa vigente, regolarizzata dall'articolo 31 del Regio Decreto 1736/1933, chiarisce che ogni assegno bancario è pagabile a vista. Ma, sebbene la legge disponga ciò, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca