Assegno non trasferibile a protestata

Mia madre ha ricevuto un assegno non trasferibile della Banca di Sondrio per una pensione tedesca, solo che lei non ha un conto corrente, è protestata ed in filiale ci hanno detto che non possono cambiare assegni al di sopra dei 300€ (questo è di circa 700€). Esiste una soluzione per utilizzare questo assegno?

Lei solleva un problema reale, che mette a nudo l'emarginazione attuata dal sistema bancario verso i protestati e l'ipocrisia con cui l'associazione che lo rappresenta, l'ABI, predica l'inclusione finanziaria dei soggetti più deboli solo con spot pubblicitari nei salotti buoni, dietro i quali c'è davvero poca, o nessuna sostanza.

Perché è logico che, se io sono un soggetto protestato e ricevo in pagamento un assegno con la dicitura "non trasferibile", lo dovrei cambiare attraverso versamento sul mio conto corrente o, allo sportello della banca emittente. Ma, se non posso aprire un conto corrente, l'alternativa è, nel caso specifico, recarmi in Svizzera presso uno sportello della banca emittente, magari spendendo per i costi di logistica più del valore facciale dell'assegno. Allucinante!

Tornando a noi, forse la soluzione al problema potrebbe essere rappresentata dal servizio bancario di base attraverso l'apertura di un conto corrente base, che offre la possibilità di diventare titolari di un semplice rapporto di conto corrente per le sole operazioni di accredito bonifici, versamento assegni e prelievi allo sportello (o tramite carta Bancomat), che non prevede il rilascio di carnet assegni e che può, pertanto, essere aperto anche ad un protestato.

Dal 1° giugno 2012 tutte le banche sono tenute, per legge, ad offrire il "Conto di Base", definito dall'articolo 12 del Decreto Salva Italia, poi convertito nella legge 214/2011.

Tuttavia, inutile nascondersi le difficoltà insite nel reperire, ad oggi, una banca che davvero offra un tale servizio.

20 settembre 2014 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

conto corrente di base
conto corrente e libretto di deposito
protesti
protesto e iscrizione in RIP (Registro Informatico dei Protesti)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno » La Banca può rifiutarsi di cambiarlo se non siete correntisti?
Una banca non può rifiutarsi di cambiare un assegno bancario a vista solo perché il beneficiario è sprovvisto di conto corrente presso l'istituto di credito. La normativa vigente, regolarizzata dall'articolo 31 del Regio Decreto 1736/1933, chiarisce che ogni assegno bancario è pagabile a vista. Ma, sebbene la legge disponga ciò, ...
Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...
Assegno - obbligo della clausola non trasferibile per assegni di importo pari o superiore a 1.000 euro
Per assegni bancari, postali e circolari di importo pari o superiore a 1.000 euro è obbligatoria la clausola di "non trasferibilità". E' possibile richiedere per iscritto il rilascio di moduli di assegni utilizzabili senza clausola “non trasferibile” esclusivamente per importi inferiori a 1.000 euro, ma bisogna corrispondere - a titolo ...
Assegno non trasferibile pagato dalla banca a persona diversa dal beneficiario - Il traente ha diritto alla restituzione dell'importo
La legge stabilisce (Regio Decreto numero 1736 del 1933, articolo 43) che l'assegno bancario, emesso con la clausola “non trasferibile”, non può che essere pagato al beneficiario o, a richiesta di questo, accreditato sul suo conto corrente; chi paga a persona diversa “risponde” del pagamento. Giurisprudenza ampiamente consolidata precisa che ...
Cambiale in scadenza - luogo di pagamento avviso e protesto
Il debitore deve sempre indicare il luogo di pagamento della cambiale in scadenza: sia esso il proprio domicilio o una filiale di banca domiciliataria. Di norma, il debitore emette una cambiale indicando contestualmente, come domiciliataria, una specifica filiale di una banca che indicheremo con D (luogo di pagamento). Questo vuol ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca