Assegno scoperto

Non ho capito una cosa ... la lettera della prefettura che mi è arrivata riguarda il primo assegno scoperto (c'è la cifra dell'assegno) ...devo aspettarmi altre lettere anche per gli altri 3 assegni? E dopo questa lettera cosa mi arriverà ? una multa?

Sì signora, deve aspettarsi una multa per ogni assegno. Sanzione che sarà sempre maggiore, in funzione della recidività degli scoperti precedenti.

Non si preoccupi, signora. Non si tratta di un problema di pazienza. A me dispiace che la gente si ritrovi ancor più rovinata dall'ingordigia di certe società di recupero crediti.

Non faccio demagogia, capisco bene che un creditore voglia rientrare in possesso del dovuto. Ma non capisco che senso abbia indurre il debitore a sottoscrivere assegni postdatati e cambiali quando non ha beni, oltre allo stipendio che già non basta a portare avanti una famiglia.

Con un decreto ingiuntivo avrebbero potuto ottenere il pignoramento del quinto.

Così, adesso, vi pignoreranno comunque il quinto, ma voi sarete sommersi da cartelle esattoriali che, in caso di mancato pagamento, vi porteranno al pignoramento di un altro quinto dello stipendio.

14 settembre 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegni a vuoto
assegno scoperto
multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno scoperto - La banca può pagarlo concedendo un fido e imputando a copertura i successivi ratei di pensione o stipendio accreditati
Può accadere che la banca provveda al pagamento di un assegno parzialmente privo di fondi e che successivamente, per assicurarsi l'immediato rientro dall'esposizione debitoria così formatasi, la banca incameri i ratei del trattamento pensionistico o dello stipendio del traente, unici suoi redditi percepiti e mensilmente accreditati sul proprio conto corrente. ...
Assegno scoperto - Il preavviso di iscrizione in CAI va notificato anche al soggetto eventualmente delegato all'emissione
Nel caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per difetto di provvista, la legge 386/1990 (articolo 9 bis) dispone che la banca comunichi al traente (il titolare del conto corrente da cui è stato emesso l'assegno) che, decorso il termine di sessanta giorni dalla data ...
Assegno scoperto - In assenza di giranti il protesto è legittimo ma l'omessa levata non comporta il risarcimento danni per il beneficiario
Il protesto, quale presupposto formale dell'azione di regresso nei confronti dei giranti, risponde all'esigenza di rilevare il rifiuto del pagamento del titolo, con l'efficacia dell'atto pubblico, onde dare a tali soggetti "certezza" circa l'effettivo verificarsi del presupposto sostanziale della loro responsabilità. Questa finalità non è tuttavia esclusiva: la pubblicazione nel ...
Assegno - obbligo della clausola non trasferibile per assegni di importo pari o superiore a 1.000 euro
Per assegni bancari, postali e circolari di importo pari o superiore a 1.000 euro è obbligatoria la clausola di "non trasferibilità". E' possibile richiedere per iscritto il rilascio di moduli di assegni utilizzabili senza clausola “non trasferibile” esclusivamente per importi inferiori a 1.000 euro, ma bisogna corrispondere - a titolo ...
Assegno postdatato - Quando la revoca di sistema è successiva a quella di compilazione
L'assegno, bancario o postale postdatato, non diversamente da quello regolarmente datato, deve considerarsi venuto ad esistenza come titolo di credito e mezzo di pagamento al momento stesso della sua emissione, che coincide con la data indicata sul titolo. Ne discende che se l'assegno risulta presentato all'incasso dal beneficiario, sulla base ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca