Assegni familiari per nipote


Vorrei chiedere dei chiarimenti per quanto riguarda gli assegni familiari per nipote convivente nato il 16/3/2020: posso richiederli da luglio 2020 ossia facendo domanda adesso? Nella domanda come faccio a specificare che gli assegni che si chiedono sono specifici per il nipote? si evidenzia nella composizione del nucleo familiare? I redditi da dichiarare sono quelli del nucleo familiare ma come faccio ad individuare il nucleo familiare per gli assegni familiari? Il padre di mio nipote (lavoratore dipendente) non può richiederli ma fa parte del nucleo familiare anche se non residente con me? Mia figlia a mio carico (residente con me) ha percepito redditi non soggetti a ritenuta per un importo di 1.402,00 vanno dichiarati nella domanda per gli assegni familiari? Io sono dipendete statale quindi non posso inviare la domanda all’INPS ma alla mia amministrazione. Serve anche la dichiarazione di responsabilità dell’altro genitore che percepisce reddito?

Per fruire degli assegni familiari per il nipote convivente bisogna innanzitutto che sia chiesta autorizzazione all’INPS, tramite la Pubblica Amministrazione presso la quale si presta servizio: autorizzazione che sarà concessa se, e solo se, il nipote ha meno di 18 anni ed è a carico fiscale del richiedente (e naturalmente, se il padre, lavoratore dipendente, non gode dello stesso beneficio).

Se non risiede con il nonno del proprio figlio, il padre del minore per il quale viene richiesto l’Assegno per il Nucleo Familiare (ANF) fa parte del nucleo familiare del nonno solo se è coniugato con la madre del bambino. La questione è abbastanza articolata e andrebbe approfondita, allo scopo di individuare il reddito del nucleo familiare familiare, una volta che l’INPS abbia concesso l’autorizzazione.

I redditi del nucleo familiare da considerare sono quelli assoggettabili all’ IRPEF, al lordo delle detrazioni d’imposta, degli oneri deducibili e delle ritenute erariali. Sono da indicare anche i redditi esenti da imposta o soggetti alla ritenuta alla fonte a titolo di imposta o imposta sostitutiva (se superiori complessivamente a 1.032,91 euro).

Devono essere considerati i redditi prodotti nell’anno solare precedente al 1° luglio di ogni anno e che hanno valore fino al 30 giugno dell’anno successivo. Quindi, se la richiesta di assegno per il nucleo familiare riguarda periodi compresi nel secondo semestre, da luglio a dicembre, i redditi da dichiarare sono quelli conseguiti nell’anno precedente.

19 Giugno 2020 · Annapaola Ferri



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?