Assegni familiari nel Pubblico impiego

Sono un dipendente pubblico pagato dal Ministero del Tesoro: ho un figlio nato a dicembre 2014, non sono sposato e io e la mia compagna abbiamo due residenze diverse.

La mia compagna non lavora e non ha lavorato nel 2014. Solamene nel 2013 ha lavorato un mese con un CUD di 200 euro circa.

Siamo andati al Tesoro per poter devolvere gli assegni familiari a lei in quanto genitore convivente con il figlio, ma il funzionario mi ha sottolineato che la tranche da Dicembre 2014 a Giugno 2015 non potrò percepirla perchè la madre nel 2013 ha percepito un reddito.(200 euro).

Ma che c'entra tutto questo? Se nel 2014 non ha mai lavorato, ora non lavora e nel 2013 neanche era concepito il figlio?!

Per quanto ho capito io, la richiesta dei redditi della madre servono solo per calcolare l'importo, ma còo non osta ad avere l'assegno, anche perchè sa nel 2013(perchè non esisteva il figlio) sia adesso che nel 2014, lei non lavorando non ha titolo di chiedere a nessuno tali assegni.

Come posso far valere i miei diritti? Avete normative da smontare questo errore dl funzionario?

Fissiamo tre punti della normativa vigente che potrebbero aiutarci a comprendere quanto il funzionario del tesoro volesse spiegare, senza peraltro riuscirvi.

  1. Il genitore convivente con il minore nato fuori del matrimonio, privo di autonomo diritto, può chiedere il pagamento degli ANF sulla posizione dell'altro genitore lavoratore dipendente non convivente. Su questo non ci piove. Il pagamento terrà conto dei redditi del genitore convivente.
  2. Se la richiesta di assegno per il nucleo familiare riguarda periodi compresi nel 1° semestre, da gennaio a giugno, i redditi da dichiarare sono quelli conseguiti 2 anni prima, mentre, se i periodi sono compresi nel 2° semestre, da luglio a dicembre, i redditi da dichiarare sono quelli conseguiti nell'anno immediatamente precedente. Questo, indipendentemente dalla circostanza che il bimbo non fosse ancora venuto alla luce nel periodo di riferimento per la valutazione del requisito reddituale dell'avente diritto.
  3. L'avente diritto alla corresponsione dell'assegno per il nucleo familiare, può chiedere l'erogazione della prestazione purché non sia, a sua volta, titolare di un proprio diritto all'ANF determinato da un rapporto di lavoro dipendente.

In più, il funzionario dispone della dichiarazione dei redditi 2014 per l'anno di imposta 2013 della sua compagna e quindi deve presumere che ella abbia lavorato, come dipendente, nel corso di tutto il 2013 (l'indizio sul reddito percepito di soli 200 euro è irrilevante per un burocrate).

Ora, può darsi che il funzionario a cui lei si è rivolto, volesse riferirsi a questa problematica. Nel periodo in cui la madre del minore è stata lavoratrice dipendente, avendone pieno ed autonomo diritto, avrebbe potuto richiedere, ed ottenere, la corresponsione dell'assegno familiare.

Erogandolo anche adesso, sulla posizione dell'altro genitore lavoratore dipendente non convivente (il padre, dipendente del ministero) e relativamente al periodo in cui la madre ha presumibilmente lavorato da dipendente, si verificherebbe una duplicazione del beneficio.

Se questo è il presupposto del diniego (potrebbe chiarirlo in un successivo incontro) la questione si potrebbe risolvere con un atto di notorietà, sottoscritto dalla madre, in cui ella dichiara che nel periodo "sospetto" non ha richiesto (e quindi non ha ottenuto) assegni familiari per il figlio minore convivente.

14 febbraio 2015 · Ornella De Bellis

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione » assegni familiari e assegno di mantenimento - La Cassazione fa chiarezza
L'articolo 211 della legge 19 maggio 1975 numero 151 prevede che Il coniuge cui i figli sono affidati ha diritto in ogni caso a percepire gli assegni familiari per i figli, sia che ad essi abbia diritto per un suo rapporto di lavoro, sia che di essi sia titolare l'altro ...
Mantenimento figlio trentenne » Legittimo se studia e non ha un lavoro
Maschio, 30 anni, laureato, precario, con alcuni rapporti di lavoro alle spalle e a caccia non solo di occupazione ma anche di specializzazione. Sembra l'annuncio pubblicato da un'azienda, e, invece, è la fotografia, sempre più realistica, dei giovani italiani, con potenziali ripercussioni non solo sull'economia nazionale ma anche sugli equilibri ...
Tutela della Maternità » Anche se moglie è casalinga il coniuge ha diritto ai riposi giornalieri
Tutela della maternità: interessante sentenza del Consiglio di Stato. Viene parificata la posizione della casalinga alla dipendente. I riposi giornalieri spettanti al pubblico dipendente in maternità possono essere usufruiti dal coniuge, sempre pubblico dipendente, la cui moglie è casalinga. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dal Consiglio di Stato con sentenza ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Mansioni superiori nel pubblico impiego - Il diritto ad una adeguata retribuzione può essere negato solo con l'accertamento della collusione tra dipendente e dirigente
La normativa vigente esclude che dallo svolgimento delle mansioni superiori possa conseguire l'automatica attribuzione della qualifica superiore. Quanto invece all'obbligo di corresponsione della retribuzione corrispondente alle mansioni superiori, la giurisprudenza della Corte Costituzionale ha ritenuto l'applicabilità anche nel pubblico impiego del diritto del lavoratore ad una retribuzione proporzionale alla quantità ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca