Assegni emessi nonostante la revoca di sistema e reiterata iscrizione nella CAI

Argomenti correlati:

Ho emesso un assegno di Poste Italiane dopo aver avuto la revoca CAI: purtroppo non ero a conoscenza di questa revoca perché nessuno mi ha spiegato il seguito dopo aver pagato in seconda battuta tramite il mio conto corrente postale. Adesso vorrei sapere. Questo assegno emesso senza autorizzazione che non è stato pagato, ma dopo due giorni ho provveduto al pagamento in contanti e mi sono fatta fare la liberatoria, può essere protestato e da dove parte il protesto da poste italiane o da chi non ha avuto il pagamento.

Si tratta di un assegno emesso senza autorizzazione: il beneficiario o Poste Italiane potranno decidere se adottare la procedura di protesto (compatibilmente con la scadenza dei termini di presentazione). Di certo, la revoca ad emettere assegni e la permanenza dell’iscrizione nella Centrale di Allarme Interbancaria si protrarranno per almeno altri sei mesi.

Seguiranno una salata sanzione amministrativa irrogata dal Prefetto e probabilmente un periodo di ulteriore revoca dalla facoltà di emettere assegni, essendo lei recidiva.

Non ultimo, Poste Italiane potrebbe decidere di chiudere il rapporto di conto corrente: in ogni caso, difficilmente le verranno consegnati nuovi carnet di moduli di assegno.

6 Febbraio 2019 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Iscrizione in CAI e revoca di sistema dopo cinque anni per un assegno pagato in seconda presentazione
Nel 03/2012 un mio assegno emesso dal conto poste italiane viene pagato in seconda presentazione + 15€ per commissioni di impagato Assegno. Pensavo, male, che non vi fossero problemi in quanto avevo pagato e quindi ho lasciato andare le cose. Dopo mesi, 06/2012 emetto altro assegno, i fondi nel mio conto coprivano abbondantemente l'importo però, la banca del creditore rifiuta l'incasso e protesta l'assegno perché, a causa della vicenda capitata nel 03/2012 avevo avuto interdizione ad emettere assegni. Poste italiane dice che hanno inviato raccomandata, cosa non vera e in fase di verifica. Cosa però che trovo sia strana è ...

Assegno richiamato dal creditore - Perchè sono stato iscritto comunque in CAI ed è stata disposta la revoca di sistema ad emettere assegni?
Assegno datato 31/07/17 richiamato dal creditore in data 03/08/17 che contestualmente ha ricevuto nella stessa data un bonifico sul suo conto pari all'importo dell'assegno. La mia banca mi ha addebitato un importo di €25,00 e mi ha inviato via raccomandata la revoca ad emettere ulteriori titoli se non prima dimostravo il pagamento dell'assegno in questione. Allora io ho già pagato il creditore che fra l'altro non vuole firmare nessuna dichiarazione in quanto per lui tutto si è risolto ma a quanto pare per la mia banca io devo essere comunque iscritta al C.A.I.. Che devo fare? ...

Assegni scoperti - termini di presentazione, revoca del pagamento, protesto e iscrizione in cai
L'assegno, se portato all'incasso nei termini di presentazione previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere sempre pagato dalla banca o dall'ufficio postale. Il termine di presentazione è: 8 giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è emesso; 15 giorni, se l'assegno è pagabile in un comune diverso da quello in cui fu emesso; 20 giorni, se l'assegno è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu emesso, ma europeo o appartenente al bacino del Mediterraneo; 60 giorni, se l'assegno è pagabile in uno Stato diverso da quello in cui fu ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegni emessi nonostante la revoca di sistema e reiterata iscrizione nella CAI