Prestiti all’ex convivente – Arricchimento senza giusta causa e valore probatorio delle trascrizioni di chat WHATSAPP

Durante il rapporto di convivenza, ho prestato alla mia ex, con bonifici bancari e contanti, una somma complessiva di circa 30 mila euro per aiutarla nell’avvio di una sua attività di estetista. Non ho una scrittura privata che attesti il prestito, ma dispongo di una serie di trascrizioni di chat Whatsapp in cui lei mi chiede i soldi.

Posso procedere legalmente per la restituzione del prestito?

L’articolo 2041 punisce l’arricchimento senza giusta causa, stabilendo che colui il quale, senza una giusta causa, si è arricchito a danno di un’altra persona è tenuto, nei limiti dell’arricchimento, a indennizzare quest’ultima della correlativa diminuzione patrimoniale.

Tuttavia, bisogna ricordare che le unioni di fatto, quali formazioni sociali che presentano significative analogie con la famiglia formatasi nell’ambito di un legame matrimoniale, sono caratterizzate da reciproci doveri di natura morale e sociale da parte di ciascun convivente nei confronti dell’altro, che si esprimono anche nei rapporti di natura patrimoniale.

Ne consegue che le attribuzioni patrimoniali a favore del convivente effettuate nel corso del rapporto, configurano l’adempimento di una obbligazione naturale ex articolo 2034 del codice civile, a condizione che siano rispettati i principi di proporzionalità e di adeguatezza (Cassazione sentenza 1266/2016).

Inoltre, le trascrizione di chat Whatsapp, di email, di messaggi sms a fini giudiziari possono essere considerate prova documentale ed essere utilizzati nel processo civile solamente a certe condizioni.

Infatti, proprio di recente la Suprema Corte ha avuto modo di chiarire che tali strumenti hanno valore come prova informatica nel processo solamente se viene acquisito anche il supporto -telematico o figurativo- contenente la registrazione (in pratica il cellulare), essendo la trascrizione una semplice riproduzione del contenuto della principale prova documentale.

I giudici di legittimità hanno evidenziato che la necessità di depositare il supporto risiede nel fatto che questo permette di controllare l’affidabilità della prova medesima mediante l’esame diretto del supporto onde verificare con certezza sia la paternità delle registrazioni sia l’attendibilità di quanto da esse documentato (Cassazione ordinanza 9016/2017).

Poiché non è sempre possibile depositare il dispositivo originale (per motivi legati alla privacy dei contenuti, indisponibilità dell’hardware, danneggiamento, perdita, etc…) e dato che ormai in ambito digitale non esiste più il concetto di “originale” dato che la copia forense di un dispositivo ha la stessa valenza probatoria del dispositivo, è possibile valutare il deposito della copia forense del dispositivo di registrazione (registratore digitale, smartphone, telecamera, etc…) così da conferire il valore legale di prova informatica e documentale al suo contenuto (registrazioni, filmati, messaggi SMS o Whatsapp, etc…).

Deve aggiungersi, quindi, che oltre al deposito dell’acquisizione forense del contenuto del dispositivo dal quale si vogliono estrarre le prove informatiche, si ritiene sia essenziale depositare anche una relazione tecnica forense che attesti la metodologia e strumentazione utilizzata per la copia forense, l’assenza di tracce di alterazione o manipolazione ai dati che dovranno essere utilizzati in giudizio e i criteri con i quali sono stati estratti gli elementi probatori d’interesse come ad esempio i messaggi SMS o Whatsapp, registrazioni audio, filmati.

Ciò significa che se il deposito viene fatto in modo “integrale” (quindi con il dispositivo originale o il suo equivalente tramite acquisizione forense certificata) i dati possono essere accettati e utilizzati in giudizio.

17 Marzo 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contributo (in lavoro e denaro) alla costruzione della casa comune e fine della relazione - Azione generale di arricchimento senza giusta causa
Per circa un anno ho passato i sabati, le domeniche, le festività, le ferie e il dopo lavoro di ogni giornata (faccio il muratore presso una impresa edile) impiegandoli nella costruzione di una villetta unifamiliare su un fondo di proprietà della mia compagna (allora stavamo insieme, ma senza avere una vita in comune: in pratica eravamo solo fidanzati, sebbene da lungo tempo) . Ho anche comprato i materiali necessari a metter su quella che, di comune accordo, avrebbe dovuto essere la nostra casa e pagato il geometra che aveva preparato il progetto ed ottenuto i permessi comunali necessari. Una volta ...

Catene di sant'antonio phishing e fake news? - Arriva il bollino su Whatsapp
Continuo a ricevere, su gruppi Whatsapp e anche in chat private, catene di sant'antonio, link con virus per tentare il phishing, e fake news a bizeffe. C'è un modo per segnalarle all'azienda ed eliminare queste scocciature? ...

Giudizio penale e licenziamento per giusta causa
Il reato del lavoratore è giusta causa di licenziamento solo se compromette il rapporto fiduciario con il datore Nel caso in cui il lavoratore sia stato rinviato a giudizio per gravi reati non commessi nello svolgimento del rapporto di lavoro, ma ritenuti dal datore di lavoro potenzialmente idonei ad incidere sul rapporto fiduciario, il giudice del lavoro non deve limitarsi a considerare il dato oggettivo del rinvio a giudizio e ritenerlo sufficiente ad integrare la giusta causa di licenziamento. Il giudice del lavoro dovrà invece verificare in concreto se la commissione di tali reati abbia compromesso il rapporto fiduciario e ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prestiti all’ex convivente – Arricchimento senza giusta causa e valore probatorio delle trascrizioni di chat WHATSAPP