Aria condizionata accesa con auto ferma – Si rischia una multa?

L’altro giorno mi trovavo nel parcheggio del supermercato mentre attendevo mia moglie che uscisse: siccome avvertivo un po’ di caldo ho acceso l’aria condizionata con la macchina ferma.

Mentre ero al cellulare un passante, che in seguito si è qualificato come vigile urbano, mi ha intimato di spegnere il condizionatore, altrimenti mi avrebbe multato.

Per non fare questioni ho fatto ciò che mi chiedeva anche se ero contrariato.

Vorrei sapere se effettivamente esiste questa norma.

La stragrande maggioranza degli automobilisti ignora che il Codice della Strada vieta la sosta con l’aria condizionata in funzione, pena l’applicazione di severissime multe pecuniarie.

La questione è regolata dall’articolo 157 comma 7 bis del Codice della Strada, secondo cui è fatto divieto di tenere il motore acceso, durante la sosta del veicolo, allo scopo di mantenere in funzione l’impianto di condizionamento d’aria nel veicolo stesso.

I trasgressori sono soggetti alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 218 ad euro 435.

Quindi, ricapitolando: nel momento in cui la vettura è ferma, non si può lasciare il motore acceso appositamente per far funzionare l’aria condizionata.

Ovviamente la norma è valida sia nel periodo estivo che in quello invernale, quando molti automobilisti utilizzano l’impianto di riscaldamento dell’auto.

Introdotta nel 2007 e modificata tre anni dopo, la regola che vieta di sostare con l’aria condizionata accesa ha il chiaro scopo di evitare l’immissione nell’atmosfera di gas di scarico non necessari, essendo l’auto non in movimento.

Va comunque ricordato che già attualmente il divieto si intende limitato alla sosta del veicolo e non alla fermata del veicolo.

Si tratta di una differenza molto importante, peraltro chiaramente disciplinata dallo stesso CdS, articolo 157 comma 1.

Infatti, per sosta si intende la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo, con possibilità di allontanamento da parte del conducente.

Mentre per fermata si intende la temporanea sospensione della marcia anche se in area ove non sia ammessa la sosta, per consentire la salita o la discesa delle persone, ovvero per altre esigenze di brevissima durata.

Perciò nel caso di breve fermata non è necessario spegnere il motore e si può tranquillamente continuare a usufruire del climatizzatore dell’auto.

8 Maggio 2019 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multa per divieto di sosta - il verbale è valido anche senza indicazione del numero civico
L'indicazione del numero civico nel verbale di multa è importante ma non essenziale per la validità dell'accertamento. La multa per divieto di sosta è valida anche quando il vigile omette di indicare nel verbale di preavviso il numero civico dell'accertamento effettuato. Così si è pronunciata la Corte di cassazione, Sez. II civ., con la Sent. numero 19902 del 29 settembre 2011. Un automobilista multato per divieto di sosta si è rivolto al giudice di pace lamentando la mancata indicazione nella multa del numero civico in corrispondenza del quale sarebbe stata accertata l'infrazione. Il magistrato onorario ha accolto le motivazioni addotte ...

Rc auto: certificato assicurativo cartaceo dimenticato - Si rischia una multa?
Per una dimenticanza, ho lasciato il certificato di assicurazione rc auto a casa di mia madre, che vive fuori città: vorrei evitare di tornare li a prenderlo almeno fino alla prossima settimana. Cosa rischio se non ho il documento cartaceo con me? Il veicolo risulta comunque assicurato? ...

RC auto obbligatoria anche per l'auto ferma in cortile » Altrimenti, in caso di sinistro - sempre incombente - ci si espone al rischio di azione di rivalsa da parte della compagnia di assicurazione
L'articolo 3, paragrafo 1, della direttiva 72/166/CEE del Consiglio, del 24 aprile 1972, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli e di controllo dell'obbligo di assicurare tale responsabilità, deve essere interpretato nel senso che la stipulazione di un contratto di assicurazione della responsabilità civile relativa alla circolazione di un autoveicolo è obbligatoria qualora il veicolo di cui trattasi, pur trovandosi, per sola scelta del suo proprietario, che non ha più intenzione di guidarlo, stazionato su un terreno privato, sia tuttora immatricolato in uno Stato membro e sia ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Aria condizionata accesa con auto ferma – Si rischia una multa?