Protestato indebitato e non i regola con il versamento dei contributi previdenziali vorrei aprire una srls per ottenere il DURC - Posso amministrare la società?

Sono titolare di una Partita Iva come impresa individuale in ambito edile: circa 5 anni fa a causa della crisi di settore e di crediti che non sono riuscito a riscuotere, sono stato protestato e ho accumulato anche debiti con gli enti pubblici INPS, INAIL, eccetera.

Ora ho la possibilità di rimettermi in gioco ma il mio Durc non è regolare e quindi vorrei aprire una nuova ditta (srls), tralasciando l'utilizzo della precedente. Posso io aprire una srls ed esserne amministratore ?

La società a responsabilità limitata, seppur semplificata, (srls) è una società di capitali: le società di capitali non rispondono delle irregolarità contributive pregresse riconducibili ad uno o più soci.

Le società di capitali, inoltre, non rispondono dei debiti acquisiti dai singoli soci.

Tuttavia, per quanto riguarda la società a responsabilità limitata semplificata in particolare, la verifica di regolarità contributiva, finalizzata al rilascio del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), viene comunque effettuata per l'amministratore.

6 giugno 2018 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

DURC - Documento Unico Regolarità Contributiva

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Aprire una nuova ditta in quanto la vecchia è oberata dai debiti
da Nicofor Ho una ditta edile artigiana, ormai senza dipendenti, con debiti nei confronti di Inps, Inail, Iva, ecc. maturati a causa di mancati pagamenti da parte di alcuni clienti, ed inoltre sono indietro con la denuncia dei redditi. Ora avrei parecchi lavori da iniziare, ma, non sono in grado, ...
INPS – Tasso degli interessi di differimento e misura delle sanzioni civili
L'Inps, con circolare numero 92 del 21 ottobre 2008, e l'Inail, con circolare numero 63 del 16 ottobre 2008, hanno reso noto che, rispettivamente, con decorrenza 15 e 8 ottobre 2008, la misura del tasso di dilazione, di differimento e le somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi ...
Contributi previdenziali e sanzioni civili sono crediti funzionalmente connessi anche per quel che riguarda i termini di decadenza e prescrizione
Per le violazioni consistenti nell'omissione totale o parziale del versamento di contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori, l'ordinanza ingiunzione è emessa dagli enti ed istituti gestori delle forme di previdenza ed assistenza obbligatorie (INPS ed INAIL fra gli altri), che con lo stesso provvedimento ingiungono ai debitori anche il pagamento ...
Risponde per omesso versamento di quanto dovuto all'erario l'amministratore entrato in carica poco prima della scadenza del termine di pagamento
L'assunzione della carica di amministratore comporta, per comune esperienza, una minima verifica della contabilità, dei bilanci e delle ultime dichiarazioni dei redditi. Ove ciò non avvenga, è evidente che colui che subentra nelle quote e assume la carica si espone volontariamente a tutte le conseguenze che possono derivare da pregresse ...
L'eventuale stato di difficoltà finanziaria dell'azienda non libera il sostituto d'imposta dalle responsabilità penali connesse all'omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali
Il sostituto di imposta deve adempiere all'obbligo retributivo e a quello contributivo: in caso di difficoltà finanziarie, il soggetto interessato è tenuto a ripartire le risorse esistenti all'atto dell'erogazione degli emolumenti in modo da potere assolvere al debito verso l'erario e l'istituto previdenziale, anche se ciò comporti la impossibilità di ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca