Appello contro sentenza e proposta transattiva: è possibile?

Qualche mese fa è stata pubblicata una sentenza sfavorevole che mi ha condannato alla restituzione di una somma, secondo alcuni esperti da me consultati non dovute interamente, per anatocismo se non usura. Tuttavia sarei disposto anche ad un accordo transattivo immediato per una somma inferiore a quella sentenziata. Sarebbe compatibile e quindi possibile avanzare un accordo transattivo facendo contemporaneamente (ovvero prima o dopo) ricorso in appello? Preciso che ho ancora una ventina di giorni prima che la sentenza passi in giudicato. Grazie e cordiali saluti.

Certamente il tentativo di conciliazione ha senso prima della scadenza dei termini per la presentazione del ricorso in appello a cura della parte soccombente in primo grado, o prima della pronuncia della sentenza di appello.

L'accordo di conciliazione fra le parti, che intervenga durante il contenzioso giudiziale, anche di secondo grado, è una pratica diffusa che i giudici son ben lieti di assecondare.

4 novembre 2017 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Appello tributario e pubblica udienza
Nulla la sentenza di appello che ha negato la pubblica udienza. Infatti, la Corte di Cassazione ha precisato che “in tema di contenzioso tributario, la richiesta di trattazione in pubblica udienza può essere formulata dalle parti non solo con atto separato, specificamente destinato a tale scopo, ma anche mediante un'esplicita ...
Da quando decorre la prescrizione di un decreto ingiuntivo?
Un decreto ingiuntivo ha prescrizione decennale, non ci piove, ma ci si chiede da quale momento la prescrizione decennale decorra. La prescrizione decennale di un decreto ingiuntivo, prevista dall'articolo 2953 del codice civile, decorre non dal giorno in cui sia possibile l'esecuzione della sentenza, né da quello della sua pubblicazione, ...
Mantenimento » Riduzione dell'assegno non legittima restituzione somme precedenti
L'esclusione o la diminuzione dell'assegno di mantenimento non legittima la restituzione delle somme percepite precedentemente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 23441/13, ha sancito che: Se dopo la pronuncia passata in giudicato l'assegno di mantenimento è escluso o diminuito, non è legittima la restituzione ...
Iscrizione di ipoteca giudiziale
Ogni sentenza e ogni provvedimento giudiziale cui consegua la condanna al pagamento di una somma o all'adempimento di altra obbligazione ovvero al risarcimento del danno è titolo per iscrivere ipoteca giudiziale sui beni del debitore. Non è necessario che il provvedimento giudiziale sia passato in giudicato. Anche una sentenza appellata ...
Debito solidale e transazione a saldo stralcio di uno dei condebitori
Facciamo l'esempio di un credito verso tre condebitori solidali, d'importo pari a 90, e ipotizziamo che la transazione a saldo stralcio sulla quota di uno dei debitori abbia determinato il pagamento di 20. La domanda: gli altri due condebitore restano obbligati per una cifra pari a 70? Non è così, ...

Briciole di pane

Altre info



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca