Apertura conto corrente e segnalazione alla crif


Con i miei fratelli abbiamo messo in vendita l’appartamento ereditato dai nostri genitori: Lo scrivente vorrebbe aprire un nuovo conto corrente bancario o postale per depositare la parte spettante dalla vendita, in quanto l’attuale conto corrente bancario è cointestato con altra persona.

La domanda è la seguente, essendo il sottoscritto segnalato alla crif per alcuni debiti con finanziarie non onorati, le banche o la posta potrebbero darmi problemi per l’apertura del conto?

In genere, una segnalazione negativa presente nella Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF) potrebbe risultare ostativa all’apertura di un rapporto di conto corrente: comunque, è bene chiarire che non esiste una normativa che vieti l’apertura di un nuovo conto corrente ad un soggetto censito nelle centrali rischi, pubbliche e private che siano. Si tratta di una valutazione soggettiva, regolata da politiche e prassi aziendali, ancorché insindacabile, di ciascun Istituto di credito.

Tuttavia, la concorrenza portata dalle banche presenti esclusivamente nel web, laddove i conti correnti online vengono aperti con maggiore flessibilità, seppur, quasi sempre, senza la concessione di carnet di assegni o fido (scoperto di conto), dovrebbe mitigare gli effetti indesiderati connessi ad una posizione censita nelle centrali rischi private, rilevata nel corso dell’eventuale istruttoria finalizzata alla valutazione di affidabilità del nuovo cliente.

7 Marzo 2019 · Simonetta Folliero



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Apertura conto corrente e segnalazione alla crif