Un cattivo pagatore può accedere al finanziamento per l’APE (Anticipo PEnsionistico) volontario?

Apprendo oggi che Banca Intesa in accordo con l’Inps, si è resa disponibile a finanziare l’APE (Anticipo PEnsionistico) volontario, ovvero la pensione anticipata. Chi risultasse iscritto in CRIF come cattivo pagatore potrebbe fare domanda all’Inps?

L’articolo 7 (Domanda di APE) comma 8 del Regolamento recante norme attuative delle disposizioni in materia di anticipo finanziario a garanzia pensionistica o APE (DPCM 150/2017) esclude che possa accedere ad APE volontario il soggetto comunemente classificato come cattivo pagatore.

In particolare nella domanda di APE volontario, il richiedente deve dichiarare sotto la propria responsabilità, di non avere, nei confronti delle banche o di altri operatori finanziari, esposizioni per debiti scaduti o sconfinanti (intendendosi con ciò l’utilizzo di fondi in eccedenza rispetto al saldo del conto corrente, in assenza di apertura di credito, ovvero in eccedenza rispetto all’apertura di credito concessa) e non pagati da oltre novanta giorni.

Inoltre, il richiedente APE volontario deve attestare di non essere a conoscenza di una eventuale iscrizione negli archivi della centrale dei rischi gestita dalla Banca d’Italia (CR) e non aver ricevuto comunicazioni relative all’iscrizione in un sistema di informazioni creditizie gestito da soggetti privati (CRIF, CTC, Experian Cerved) per l’inadempimento di uno o più prestiti, quali mutui, finanziamenti o altre forme di indebitamento.

La domanda di APE volontario non può essere accolta se il richiedente ha avviato o è oggetto di procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento ai sensi della legge 3/2012, oppure se è stato sottoposto ad azioni esecutive in corso, o estinte senza integrale soddisfazione dei creditori.

Infine, il richiedente di Ape volontario non deve aver subito protesti a proprio carico censiti in RIP (Registro Informatico dei Protesti) e non deve essere registrato nell’archivio CAI (Centrale di Allarme Interbancaria) degli assegni bancari e postali e delle carte di pagamento irregolari istituito presso la Banca d’Italia.

13 Aprile 2018 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ape volontario - 21 anni di contributi versati e 63 anni di età compiuti ad agosto 2019 » Ne ho diritto?
Ho raggiunto 21 anni contributi come dipendente: compirò 63 anni ad agosto:potrò fare domanda per APE (Anticipo PEnsionistico) volontario? ...

No ad anticipo pensionistico APE social per un solo giorno di lavoro - Che fare?
Pur avendo oltre 64 anni di età e circa 32 anni di contributi (sono disoccupato dal 2009) l'inps ha rifiutato la mia domanda di accesso al beneficio dell'Ape social (l'anticipo pensionistico). E ciò per aver maturato, dopo il licenziamento predetto, (tenetevi forte) 1 giorno esatto di contributo, nel 2011 ,per aver fatto la comparsa in un film. Credo questa sia un'ingiustizia colossale. Sto pensando di effettuare ricorso con l'aiuto di un patronato della mia città sperando nel riesame del caso. Ma intanto vorrei sapere se mi conviene e se è normale una cosa del genere. ...

Anticipo pensionistico APE - Negato ai cattivi pagatori?
Dopo aver maturato i requisiti (ho 64 anni e 21 anni di contributi) sto vagliando l'ipotesi di richiedere l'ape (anticipo pensionistico): ho sentito dire, però, che sarà negato a chi è registrato a centrali rischi di cattivi pagatori. Io sono iscritto alla CR della banca d'italia per un vecchio contenzioso. Allora non potrò usufruire dell'Ape. E' vero ciò che si dice? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Un cattivo pagatore può accedere al finanziamento per l’APE (Anticipo PEnsionistico) volontario?