Annullamento del viaggio per cause indipendenti dal Tour Operator – Tutela del viaggiatore


Ho dovuto rinunciare ad un pacchetto turistico perchè, a seguito di comunicato del Ministero degli Affari Esteri, che sconsigliava ai cittadini italiani di recarsi nel luogo di destinazione, per via della complessa situazione socio-politica ivi esistente, il tour operator ha annullato le partenze per quel paese.

Posso chiedere la restituzione dell’intero corrispettivo pagato oppure devo necessariamente accettare la meta alternativa proposta dall’agenzia di viaggi.

Il Codice del Turismo, all’articolo 42, comma 9, dispone che il viaggiatore può respingere le soluzioni alternative proposte solo se non sono comparabili a quanto convenuto nel contratto di pacchetto turistico o se la riduzione del prezzo concessa e’ inadeguata.

Se la soluzione proposta è inadeguata, o non viene offerta in tempo utile, come già affermato dal Consiglio di Stato (sentenze 4763/2019 e 6566/19), qualora, nel luogo di destinazione o nelle sue immediate vicinanze, si verifichino circostanze inevitabili e straordinarie, che hanno un’incidenza sostanziale sull’esecuzione del pacchetto, il turista ha diritto di recedere dal contratto, senza che il professionista possa trattenere, a vario titolo, alcuna delle somme da lui versate, al momento della prenotazione, comprese quelle corrisposte per la stipula dell’assicurazione di viaggio.

10 Ottobre 2019 · Giovanni Napoletano



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Annullamento del viaggio per cause indipendenti dal Tour Operator – Tutela del viaggiatore