Andare in pensione con Opzione Donna – Quali requisiti servono?

Sono una lavoratrice dipendente di 60 anni che lavora presso il settore pubblico da quasi 38 anni: vorrei andare in pensione anticipatamente.

So che è possibile farlo con l’opzione donna dell’Inps.

Vorrei sapere quali sono i parametri richiesti e come presentare la domanda, se possibile.

E’possibile ottenere la pensione anticipata con opzione Donna con 35 anni di contributi e un minimo di 57 anni e 7 mesi di età maturati nel 2015: grazie alla cristallizzazione dei requisiti, infatti, chi ha maturato i requisiti per accedere all’opzione può comunque pensionarsi, anche se questo particolare regime pensionistico non è stato più prorogato (forse sarà prorogato in seguito).

Il diritto, in linea generale, è esercitabile da tutte le lavoratrici che hanno compiuto 57 anni, se dipendenti, o 58 anni, se autonome, entro il 31 dicembre 2015, e alla stessa data avevano almeno 35 anni di contributi.

In cambio dell’uscita anticipata dal lavoro, il trattamento spettante con opzione Donna è calcolato col sistema contributivo.

In pratica, rispetto al sistema misto, il taglio sulla pensione può arrivare al 20- 30%.

La pensione di anzianità, nel caso di opzione donna, viene corrisposta alla lavoratrice decorsi 12 mesi se lavoratrice dipendente, 18 mesi se autonoma, dalla data di maturazione dei requisiti previsti.

Le lavoratrici dipendenti nate nell’ultimo trimestre del 1958 (ultimo trimestre del 1957, se autonome) devono attendere ulteriori quattro mesi, relativi agli incrementi della speranza di vita del 2016.

Ricordiamo, la facoltà è stata estesa retroattivamente anche alle lavoratrici che al 31 dicembre 2015 avevano compiuto 57 anni, se dipendenti, e 58 anni, se autonome ma che a tale data non erano in possesso degli ulteriori tre mesi richiesti per effetto degli incrementi alla speranza di vita applicati dal 1° marzo 2013 (articolo 1, comma 222, legge di Bilancio 2017).

La lavoratrice, comunque, deve accettare che la pensione venga liquidata interamente con il calcolo contributivo.

Al momento della decorrenza del trattamento, inoltre, la lavoratrice deve cessare l’attività di lavoro dipendente.

La domanda va presentata online all’INPS attraverso il servizio dedicato.

In alternativa, si può fare la domanda tramite:

  • Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) 06 164 164 da rete mobile;
  • enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

21 Febbraio 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza: vuoi diventare navigator? - Ecco quali requisiti servono e come fare
Sono un ventottenne laureato in giurisprudenza e consulente del lavoro: vorrei provare a diventare un navigator, ovvero il ruolo richiesto per aiutare a trovare lavoro e supportare chi percepisce il reddito di cittadinanza. Quali sono i requisiti richiesti? Dove e come posso presentare la domanda? ...

Pensione anticipata con RITA - Come andare in pensione 10 anni prima?
Un amico mi ha detto che c'è la possibilità per chi, come me e lui, ha stipulato un fondo di previdenza fiscale privata ed è al momento disoccupato, di andare in pensione parecchio prima, anche dieci anni. Tutto ciò grazie a una forma di previdenza complementare chiamata RITA. Io ho 56 anni ed ho accumulato, nella vita, almeno 21 anni di contributi. Vorrei sapere cosa c'è di vero, quali requisiti servono e più in generale, come funziona nel dettaglio. ...

Diniego pensione di vecchiaia a chi ha maturato i requisiti da lavoratore dipendente a causa di eventuali contributi non versati alla gestione separata?
Classe 1953 e compleanno ad agosto prossimo venturo, ho i requisiti per presentare domanda per la pensione di vecchiaia (67 anni e 25 anni di contributi versati): i 25 anni di contributi erano già maturati alla fine del 2012 (con sistema calcolo MISTO). Dal 2014 ho aperto partita iva come consulente grafico e da allora non ho più pagato i contributi minimali INPS (con cartelle esattoriali già in notifica). A fronte di questi debiti INPS può non accettare la mia domanda di pensione di vecchiaia? Da simulazione l'assegno mensile sarebbe di 748,00 euro. In caso di accettazione quanto ammonterebbe la ...

Dove mi trovo?