Ancora minacce dagli addetti al recupero crediti

Stamattina ho ricevuto una chiamata anonima e non ho risposto, poco dopo ho ricevuto un messaggio dove mi veniva chiesto di chiamare ad un numero per metterci d’accordo per venire a casa mia per concordare una visita esattoriale, premetto che noi abbiamo pagato la rata di febbraio anche se in ritardo.

Non riusciamo più a pagare rate così alte e loro non ci ascoltano. Anzi veniamo minacciati di continuo, cosa posso fare oltre che denunciare, ma anche per far capire che siamo in brutte condizioni economiche, devo mandare qualche lettera? Io non so più che fare, la situazione è insopportabile, c’è qualcuno che posso contattare della difesa debitori? E poi, loro possono venire a casa senza una lettera del tribunale? Dopo quanto mettono in atto la chiusura del contratto e il pignoramento? Grazie

Sicuramente non ci siamo spiegati bene nel corso dell’ultimo intervento: che voi non riusciate a pagare le rate, semplicemente perchè non potete pagarle, non frega a nessuno degli addetti con cui entrate in contatto telefonico. Anzi, aggiungo pure che se qualcuno chiudesse la pratica annotando a margine la dichiarata impossibilità di adempiere del debitore, quella stessa pratica verrebbe riassegnata il giorno dopo, dal responsabile del team, ad un altro lavoratore forzato del contact center, più scostumato, arrogante e cattivo del precedente, se possibile.

Ecco perchè nessuno potrà mai ascoltarla. In alcune realtà che utilizzano sistemi automatizzati, addirittura, la chiamata è eseguita a intervalli di tempo regolari (ogni 48 ore, ad esempio) e rigirata ad uno qualsiasi, scelto a caso, fra gli addetti di turno presenti nel contact center (parliamo di centinaia di persone) non occupato al telefono.

Nessun creditore, o sgherro incaricato dal creditore, può presentarsi a casa sua senza preventivo accordo. L’unica interazione diretta, ammessa dalla legge, fra creditore ( o sgherro incaricato dal creditore) e debitore, è quella via posta (raccomandata o meno). Non sono ammesse chiamate telefoniche o serenate sotto il balcone.

Ormai, non si riesce più a tutelare, a costo zero (con le buone maniere), il proprio sacrosanto diritto alla, seppur mediocre, serenità quotidiana. Per porre fine alla soverchieria, bisogna almeno trovare il coraggio di querelare, per molestie e violazione della privacy, la società di recupero crediti che, così prepotentemente, e in spregio alle più elementari norme vigenti, pretende di irrompere nella vita del debitore intimorendolo, vessandolo e turbandone il già provato equilibrio psicologico. Non ci sono alternative, se non, forse, cambiare numeri di telefono fissi e mobile.

Se il timore è che il creditore, dopo una querela, vada in tribunale e proceda al pignoramento, stia tranquilla: se può andarci (spesso il cessionario non possiede la documentazione necessaria per chiedere ed ottenere dal giudice un decreto ingiuntivo) ci andrà comunque, ma dopo averle causato un esaurimento nervoso ed essersi accorto che da lei non potrà cavare un ragno dal buco.

14 Marzo 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Come porre termine alle minacce e intimidazioni di pseudo esattori per un recupero crediti con Edison energia?
Sono due mesi che sono continuamente vessato da continue telefonate da un'agenzia di recupero crediti per conto di Edison: ho alcune bollette in arretrato per quanto riguarda la mia vecchia attività, fermo restando che durante le prime comunicazioni via telefono i toni erano abbastanza cordiali, e nonostante io abbia detto all'operatore che non lavoro, sono praticamente stato costretto a scegliere un'opzione a saldo e stralcio (3 rate da 1380€) sono riuscito a fatica a pagare la prima e di conseguenza mi è stata mandata una e-mail nella quale mi si informava che gli accordi erano decaduti e che avrei dovuto ...

Minacce dagli esattori di recupero crediti – La giurisprudenza conferma che si tratta di reato di estorsione
Non serve la prova di una percentuale pattuita sulla somma da riscuotere. La fattispecie più lieve ex articolo 393 Cp va esclusa se i toni dell'intimidazione sono tali da andare oltre ogni ragionevole intento di far valere un diritto in modo arbitrario. Scatta il reato di estorsione per chi terrorizza il debitore, anche se agisce come mero mediatore per consentire a un terzo il (presunto) recupero del denaro. E ciò anche quando la somma è poi materialmente versata a chi accampa il diritto e non all'autore delle intimidazioni. Di fronte alle minacce di morte va esclusa la fattispecie più lieve ...

Visite domiciliari non autorizzate di addetti al recupero crediti
Da qualche ho interrotto tutti i pagamenti alla finanziariacreditrice per un prestito personale e due carte revolving, non più sostenibili, per una serie di spese sopraggiunte che ho dovuto, e mio malgrado dovrò continuare ad affrontare. Ero preparato all'assalto del recupero crediti, ma probabilmente non lo si è mai abbastanza. Vivo in un appartamento con la mia compagna e le mie due figlie minorenni. La mia compagna non è al corrente della mia situazione debitoria ne tanto meno di quella di insolvenza, vorrei che le cose restassero tali. Ho dirottato la posta in arrivo presso una casella postale e diffidato ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ancora minacce dagli addetti al recupero crediti