Ancora comodato...ma

Classica situazione: X è nullatenente, ma vive con i genitori e i beni di questi ultimi sono a rischio pignoramento. Domanda: è possibile evitare il pignoramento dei beni dei genitori di X, che non possono esibire nessuna attestazione di proprietà degli stessi, se fanno ad X un contratto di comodato d'uso con tutti i crismi (registrato presso l'Agenzia Delle Entrate, con data certa e anteriore al provvedimento, ecc.) in cui si precisa che nella casa dei genitori X avrà l'uso di una stanza, la possibilità di usare il tavolo della cucina e poco altro, ma (ecco il punto) inserendo una clausola in cui si specifica che il contratto è valido solo a condizione inderogabile che il comodatario (cioè X) non introduca all'interno dell'abitazione che ha in comodato e di proprietà del comodante (cioè i genitori) nessun bene di sua proprietà, qualora ne possieda, non apporti nessuna miglioria, ecc., inoltre precisando che il comodatario, in generale e anche qualora quest'ultima condizione sia violata, si obbligherà a rescindere il contratto solo ed esclusivamente per iscritto e mediante atto pubblico? So che comunque l'ufficiale giudiziario può pignorare i beni, dal momento che egli non è tenuto a valutare a chi appartengono. Per me conta sapere se la rivendicazione di proprietà da parte dei genitori, ricordando che essi non hanno pezze giustificative, e quindi tutto si basa sul comodato, potrà avere successo. Grazie in anticipo.

La legge prevede un rimedio alla situazione che lei descrive: l'opposizione di terzi all'esecuzione. Infatti, l'articolo 619 del codice di procedura civile consente il ricorso a tale strumento nell'eventualità in cui un terzo rivendichi la proprietà o altro diritto reale sui beni pignorati.

Quindi, con la necessaria assistenza di un legale e l'esibizione al giudice del contratto di comodato registrato presso l'Agenzia delle entrate, sarà possibile risolvere la questione relativa all'eventuale pignoramento, da parte dell'ufficiale giudiziario, di beni che non appartengano al debitore ancorché siano nella sua apparente disponibilità.

10 aprile 2014 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pignoramento

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il comodato a tempo determinato, a tempo determinabile ed il comodato precario senza determinazione di durata
Il codice civile disciplina due forme del comodato, quello propriamente detto, regolato dagli articoli 1803 e 1809 e il cosiddetto comodato precario, al quale si riferisce l'articolo 1810 del codice civile, rubricato come comodato senza determinazione di durata. Nel caso di comodato precario, connotato dalla mancata pattuizione di un termine ...
Contratto di comodato di un immobile - Non è opponibile all'acquirente
Il contratto di comodato di un bene stipulato dall'alienante in epoca anteriore al rogito non è opponibile all'acquirente del bene stesso. L'acquirente a titolo particolare del bene concesso in precedenza dal venditore in comodato non può, quindi, risentire alcun pregiudizio dall'esistenza di tale comodato e ha, pertanto, il diritto di ...
Comodato d'uso di un immobile » il proprietario può risolvere il contratto se la destinazione del bene è dubbia
Il proprietario dell'immobile può risolvere il contratto di comodato d'uso se la destinazione del bene non è chiara. Con il contratto di comodato, il proprietario concede gratuitamente a terzi il diritto di uso del bene proprio e, quindi, soprattutto quando si tratti di un immobile, la sussistenza di una effettiva ...
Restituzione del bene concesso in comodato in caso di morte del comodatario
In caso di morte del comodatario, il comodante, pur in presenza di pattuizione di un termine negoziale finale, può esigere dagli eredi l'immediata restituzione del bene concesso in comodato. E' la legge (articolo 1811 del codice civile) ad escludere l'automatico obbligo di restituzione dopo la morte del comodatario, come anche ...
Nessun rimborso al comodatario per le spese sostenute al fine di conservare il bene ottenuto in comodato, se non urgenti e improcrastinabili
Il codice civile esclude il diritto del comodatario al rimborso delle spese sostenute per servirsi del bene concessogli in comodato, prevedendo un'unica eccezione per le spese straordinarie occorse per la conservazione del bene, sempreché le stesse siano state necessarie ed urgenti. Risulta implicitamente esclusa dalla norma la possibilità che possa ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca