A quanto deve ammontare il debito verso il creditore ordinario affinché egli possa procedere ad espropriare la casa del debitore?

Ho un debito che non sono riuscito ad onorare verso la mia banca: volevo domandare affinche la banca si attacchi all’immobile il debito per legge a quanto deve ammontare?

Poichè stiamo parlando di credito ordinario e non esattoriale, non esiste un limite al di sotto del quale il creditore non possa procedere ad espropriazione e vendita all’asta dell’immobile di proprietà del debitore inadempiente.

16 Febbraio 2019 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Casa venduta all'asta per debito con banca - Una società di recupero crediti ci chiede l'intero importo senza considerare quanto incassato dal creditore con l'espropriazione
A causa di un periodo di crisi la piccola azienda di mio marito ha avuto difficoltà obbligandolo a richiedere un prestito personale alla banca a fronte di un impegno ipotecario della casa di proprietà dei suoi genitori (bifamiliare dove viviamo anche noi) e della mia personale firma a garanzia. Abbiamo un regime di divisione dei beni e io sono un'artigiana con partita iva. Purtroppo, malgrado gli sforzi non è riuscito a salvare l'azienda che è stata dichiarata fallita, dopodichè senza lavoro, onorare con regolarità il debito ci è risultato impossibile. L'anno scorso la casa è stata messa all'asta, nel frattempo ...

La prescrizione presuntiva triennale per i compensi richiesti dal professionista - Affinché l'eccezione possa essere accolta il debitore non deve ammettere il mancato pagamento o contestare il quantum della pretesa
Va sempre premesso che l'eccezione triennale di prescrizione presuntiva è incompatibile con qualsiasi comportamento del debitore da cui si deduca, anche implicitamente, l'ammissione in giudizio che l'obbligazione non è stata estinta, e tale situazione ricorre anche nel caso in cui il debitore neghi l'esistenza del credito oggetto della domanda ovvero eccepisca che il credito non sia sorto, comportando detta contestazione l'implicita ammissione che l'obbligazione non è stata estinta. Anche la contestazione, da parte del presunto debitore, del quantum della pretesa contro di lui azionata implica l'ammissione della mancata estinzione dell'obbligazione e, pertanto, comporta, ai sensi dell'articolo 2959 del codice civile, ...

Il debitore deve dare per scontato e certo che il creditore troverà il conto corrente - e pertanto, il debitore deve pianificare il tutto per fare in modo che quand'anche il creditore trovasse il conto, non potrebbe pignorarne le disponibilità
Non è possibile dare una risposta alla prima domanda. Per quanto riguarda il conto corrente un approccio razionale al problema non deve essere quello di fare il calcolo delle probabilità o di leggere nella sfera di cristallo. Il debitore deve dare per scontato e certo che il creditore troverà il conto corrente. E pertanto, il debitore deve pianificare il tutto per fare in modo che quand'anche il creditore trovasse il conto, non potrebbe pignorarne le disponibilità. Come si ottiene questo risultato? Semplicemente intestando ad un terzo il proprio conto corrente e riservando a sé stessi la delega ad operare e ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic A quanto deve ammontare il debito verso il creditore ordinario affinché egli possa procedere ad espropriare la casa del debitore?