Amministratore di srl fallita riconosciuto incapace di intendere e volere può rispondere di bancarotta fraudolenta?

Scrivo a nome di mio fratello di 40 anni che da svariati anni è stato raggirato da amici diventando amministratore e liquidatore di due srl chiuse poi per fallimento. Sottolineando che lui non ha mai partecipato a nulla e non ha mai percepito nulla in ogni caso il curatore mi ha detto che una di queste società ha dei debiti superiori con lo stato di 500 mila euro. Lui attualmente è indagato per bancarotta ma non ha ancora svolto nessun processo.

Sottolineo che ha un grave ritardo mentale pur non avendogli mai messo un tutore o fatta una vera interdizione ma come si dice in termini giuridici ha una infermità, cioè incapace naturale da sempre. Pur non essendogli mai arrivate multe ma sapendo che questi debiti ci sono per non doversi trovare un giorno con questi enormi debiti ed essendo una persona incapace di intendere e volere una volta fato il processo e appurata la sua incapacità di intendere e volere e anche la sua totale estraneità da queste società non dovrà rispondere di questi debiti? Non ci sono fideiussioni ma Iva e tasse Inps, corrente e tanto altro.

Se suo fratello sarà riconosciuto incapace di intendere e di volere durante l'attività di amministratore svolta al servizio della società fallita, il suo patrimonio personale non si troverà ad essere esposto alle azioni dei creditori danneggiati,

17 aprile 2018 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Non basta eccepire che uno dei contraenti era incapace di intendere e di volere al momento della firma per annullare il contratto
Il gravissimo pregiudizio derivante dalla sottoscrizione di un contratto da parte di un soggetto incapace di intendere e di volere emerge solo quale elemento indiziario dell'ulteriore requisito (richiesto per il suo annullamento) della malafede dell'altro contraente, che, a sua volta, consiste nella consapevolezza della menomazione del soggetto incapace. In effetti, ...
Responsabilità per i danni causati a terzi da soggetto maggiorenne infermo di mente ma non interdetto
Se l'autore del danno è persona capace di intendere e di volere al momento del fatto, ove si tratti di minore di età (o di interdetto), il soggetto responsabile del danno causato dal minore o dall'interdetto è individuato in quello che, in ragione del rapporto parentale o in ragione della ...
Cartella esattoriale » Valida la notifica a soggetto minorenne o incapace se lo stato del consegnatario non appare evidente
E' valida la notifica di una cartella esattoriale ad un soggetto in situazione di incapacità naturale o a un minore di 14 anni se non appaiono evidenti all'ufficiale giudiziario lo stato di palese incapacità o l'età del consegnatario. Infatti, ai sensi dell'articolo 139 del codice di procedura civile, comma 2, ...
L'amministratore che riscuote i propri crediti di lavoro verso la società fallita integra gli estremi della bancarotta preferenziale e non di quella fraudolenta
L'amministratore che si ripaghi dei suoi crediti verso la società fallita relativi a compensi per il lavoro prestato, prelevando, ovvero comunque ottenendo, dalla cassa sociale una somma congrua rispetto a tale lavoro, risponde di bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione? Al quesito hanno risposto i giudici della sezione penale della Corte ...
Il nonno affidato a una badante? Bisogna prima farlo interdire oppure addio all'eredità
Una storia ormai frequente. La solita badante d'oltremare che lusinga l'arzillo vecchietto indigeno, ancora bisognoso di coccole, sposandolo, addirittura all'insaputa dei parenti più stretti. Possono questi ultimi, quando, messi al corrente della "tresca" in occasione dell'apertura della successione che assegna tutti i beni del defunto alla coniuge superstite, proporre annullamento ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca