Società cooperativa a responsabilità limitata - Chi risponde dei debiti e chi risulterà segnalato in centrale rischi se la società viene liquidata con crediti in sofferenza?

Domanda di Chiara
3 dicembre 2017 at 19:02

Faccio parte di un cda di 3 persone di una cooperativa di servizi a responsabilità limitata prossima alla liquidazione in quanto abbiamo perso due appalti e abbiamo debiti verso banche senza nessuna garanzia personale ma garantiti da consorzi di garanzia.

Una di queste banche essendo arrivati alla 6.a rata non pagata ci ha comunicato che passeremo alla sofferenza e verremo segnalati anche noi tre come cattivi pagatori e non otterremo mai più finanziamenti personali e ci ha proposto di convertire il mutuo aziendale in mutui personali. Chiedo se la banca si sta comportando correttamente.

Risposta di Annapaola Ferri
3 dicembre 2017 at 19:52

Come le abbiamo già riferito in altro quesito, la società cooperativa a responsabilità limitata è una società di capitali: dunque per i debiti sociali risponde soltanto la società con il suo patrimonio (articolo 2518 codice civile). Punto. Ed è dunque la società cooperativa a responsabilità limitata ad essere segnalata in Centrale Rischi.

Un volta che il mutuo sociale verrà convertito in mutuo personale, il socio che ha assecondato la banca si troverà a rispondere personalmente dell'esposizione debitoria della cooperativa assunta a proprio carico, e perderà il privilegio della responsabilità limitata alla sola quota conferita nel capitale sociale.

Ora, è vero, nessuno può impedire all'operatore che effettua una visura in centrale rischi, per un debito classificato a sofferenza, di approfondire l'ispezione, in seconda battuta, effettuando una visura camerale finalizzata ad individuare i componenti che sedevano nel consiglio di amministrazione della società, al momento della liquidazione.

In questo senso, i consiglieri di amministrazione della società cooperativa a responsabilità limitata, liquidata con crediti in sofferenza, potrebbero riscontrare eventuali problematiche di accesso al credito.

Tuttavia, deve essere chiaro che se solo due dei tre componenti il cda accettassero la conversione, assumendo ciascuno a proprio carico un terzo del debito sociale in sofferenza, il loro sacrificio resterebbe inutile, residuando comunque in sofferenza 1/3 dell'esposizione debitoria sociale.

Insomma, i tre risulterebbero referenziati comunque, in un report completo sulla sofferenza lasciata dalla cooperativa liquidata, come amministratori al momento della cessazione, senza alcun riferimento alla circostanza, meritoria, che essi si siano accollati i 2/3 della sofferenza originaria della cooperativa.

Risulterebbero, in pratica, ancora come consiglieri di amministrazione di una società cooperativa a responsabilità limitata che ha lasciato, con la liquidazione, un debito in sofferenza.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili nel forum - cliccare sul link dell'argomento di interesse

responsabilità patrimoniale dei soci
responsabilità patrimoniale dei soci situazioni particolari
segnalazione centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accordo a saldo stralcio - La segnalazione in Centrale Rischi va limitata al solo importo non recuperato
Le disposizioni, di natura amministrativa, dettate dal Bankitalia per regolare le modalità e i presupposti della segnalazioni in Centrale Rischi (CR) prevedono che il creditore, anche quando addiviene ad una definizione transattiva in relazione a crediti classificati a sofferenza, sia sempre tenuto, anche a pagamento eseguito, a procedere alla segnalazione, [ ... leggi tutto » ]
Segnalazione alla Centrale Rischi di un credito in sofferenza - quando è legittima e quando determina il risarcimento del danno
Ai fini dell'obbligo di segnalazione in centrale rischi che incombe sulle banche, il credito può essere considerato in sofferenza allorché sia vantato nei confronti di soggetti in stato di insolvenza, anche non accertato giudizialmente o che versino in situazioni sostanzialmente equiparabili, nozione che non si identifica con quella dell'insolvenza fallimentare, [ ... leggi tutto » ]
CRIF EURISC – Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria
Fra i SIC privati assume una importanza rilevante la crif (Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria), nota anche come EURISC. CRIF La crif gestisce un archivio dati privato (EURISC appunto)  a cui aderiscono le principali banche italiane. La crif è specializzata nella realizzazione e gestione di sistemi di referenziazione del credito, anche noti semplicemente come [ ... leggi tutto » ]
CRIF EURISC e Centrale Rischi Bankitalia – Differenze fra cattivi pagatori
Nella Centrale Rischi Bankitalia la posizione del cattivo pagatore è inserita solo a sofferenza conclamata, in CRIF i  dati dei cattivi pagatori sono visibili sin dall'inizio della sofferenza. La CRIF inoltre contiene dati concernenti  non solo  la delibera o l'erogazione di un mutuo ma anche la sua sola richiesta. L'appostazione a sofferenza [ ... leggi tutto » ]
Elenchi italiani dei cattivi pagatori, dei debitori insolventi e dei crediti inesigibili o in sofferenza
Fra i sistemi di informazioni creditizie (spesso indicati con il termine SIC o anche Centrali Rischi) operanti in Italia, che registrano segnalazioni relative ai cattivi  pagatori (ovvero debitori non puntuali nel pagamento delle  rate di mutui e prestiti in genere) ai debitori inadempienti o insolventi e ai crediti inesigibili o [ ... leggi tutto » ]

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti