Alitalia e programma mille miglia: una truffa? - Come effettuare la segnalazione

Ho partecipato, dato che viaggio spesso, al programma fedeltà di Alitalia Mille Miglia: voglio raccontare la mia storia dato che mi sembra di essere incappata in una truffa bella e buona.

Avevo accumulato circa 250 mille miglia, che equivalgono, quindi, a più di un biglietto aereo premio gratis.

La scadenza per ottenere i bonus era fissata al 31 Marzo 2018.

Ebbene, mi sono mossa prima.

Ma dopo circa due settimane di inutili tentativi telefonici a pagamento documentati con immagini, non sono riuscita a parlare con un operatore.

Sul sito, inoltre, non configuravano voli disponibili.

Insomma, il tempo è passato e ho perso la possibilità di riscuotere il premio.

Mi sembra una beffa bella e buona, cosa devo fare adesso?

Sono veramente numerose le segnalazioni di consumatori che, come Lei, hanno passato ore al telefono in attesa di parlare con un operatore del call center Alitalia, per poter ottenere i premi beneficiando del programma fedeltà Mille Miglia.

Per chi non lo sapesse, il programma Mille Miglia è una raccolta punti che si accumulano acquistando voli: alla fine del programma di cinque anni, i punti danno diritto alla prenotazione di voli quasi gratuiti (si pagano solo le tasse aeroportuali).

L'ultima edizione, iniziata il primo gennaio 2013, sarebbe dovuta terminare il 31 dicembre 2017 ma già a ottobre scorso è stata prorogata da Alitalia fino al 31 marzo 2018.

Ebbene, come nel suo caso, molti clienti non sono riusciti a riscuotere il dovuto e ora che il programma fedeltà della compagnia aerea è scaduto, si sono rivolti ad alcune associazioni di consumatori.

Alitalia, dal canto suo, ha fatto sapere di aver fatto di tutto per evitare il maxi-ingorgo a ridosso della scadenza del programma, inviando milioni di messaggi email e pubblicando una pagina web apposita e raddoppiando gli operatori del call center (da 110 a 225) insieme all'ampliamento delle fasce orarie in cui poter chiamare: 4 ore in più nei giorni feriali e 3 in più nei festivi.

Neanche questo, però, è bastato: rispetto allo stesso periodo dello scorso anno le telefonate sono raddoppiate.

I clienti che cercavano di accaparrarsi un biglietto hanno passato, in media, 40 minuti al telefono per trovare il giusto incastro tra i propri giorni liberi, la disponibilità di voli e e di posti a sedere (solo una quota è destinata all'iniziativa).

Le associazioni di consumatori, intanto, hanno chiesto alla compagnia di aprire un tavolo di confronto, con la minaccia di, se non venissero ascoltate, fare un esposto alla procura della repubblica.

Vi segnaliamo, nel frattempo, che l'unione nazionale dei consumatori, sta raccogliendo le segnalazioni presso il proprio sportello.

Comunque, purtroppo va detto, la compagnia aerea non pare per nulla preoccupata di quanto accaduto: tra l'altro cinque anni fa, quando terminò la precedente edizione Mille Miglia, i disservizi furono molti di più e rispetto ad allora i biglietti premio prenotati via call-center sono calati dal 71% al 49% del totale, a tutto vantaggio di Alitalia.

11 aprile 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - viaggi e vacanze

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'assicurazione deve risarcire i danni per i sinistri verificatisi nei 15 giorni successivi alla scadenza del premio anche se l'assicurato non paga la rata o non rinnova la polizza
Il mancato pagamento, da parte dell'assicurato, di un premio successivo al primo determina (ai sensi dell'art 1901, secondo comma, codice civile) la sospensione della garanzia assicurativa non immediatamente, ma dopo il decorso del cosiddetto periodo di tolleranza o di rispetto e, cioè, di quindici giorni dalla scadenza del premio medesimo. ...
Stipendi pubblici e pensioni - Resta l'obbligo di accredito in conto corrente per importi superiori ai mille euro
Al fine di favorire la modernizzazione e l'efficienza degli strumenti di pagamento, riducendo i costi finanziari e amministrativi derivanti dalla gestione del denaro contante da parte della Pubblica Amministrazione, l'articolo 2 del decreto legge 138/2011, al comma 4 ter, lettera c) dispone che lo stipendio, la pensione, i compensi comunque ...
Contratti di assicurazione con premio rateizzato » Cosa succede dopo la scadenza della rata
Cosa succede quando scade il termine per pagare la rata nei contratti di assicurazione con premio rateizzato? Nei contratti di assicurazione dell'rc auto con rateizzazione del premio, una volta scaduto il termine di pagamento della rata di premio, l'efficacia del contratto resta sospesa a partire dal quindicesimo giorno successivo alla ...
Il sub agente non comunica l'avvenuto pagamento del premio relativo ad una polizza RC auto, ma rilascia il contrassegno - La compagnia è tenuta comunque a risarcire il terzo danneggiato
Ove sia stata sottoscritta una polizza di assicurazione per la responsabilità civile auto e sia stato rilasciato all'assicurato l'apposito contrassegno (indicativo di una certa decorrenza e durata della garanzia) ma la compagnia assicurativa non abbia ricevuto il premio (o la prima rata di premio) stabilito nel contratto a causa del ...
Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande