Aiuto Omessa dichiarazione

Nell'anno 2011 viene notificato da parte dell'agenzia delle entrate un accertamento per mancata presentazione della dichiarazione dell'anno 2006 che il commercialista, a nostra insaputa, aveva omesso di presentare.

Comunichiamo tempestivamente la cosa al commercialista e lui prende immediatamente in carico la faccenda per una risoluzione immediata, facendoci credere, di lì a poco, che aveva raggiunto un accordo con l'agenzia delle entrate con un rateizzo dell'importo dovuto. Iniziamo a pagare gli importi rateizzati.

Dopo qualche mese, arriva una nuova comunicazione da parte dell'agenzia delle entrate nella quale si richiedeva la sospensione delle rate perché emerge che la richiesta di rateizzo non era stata concessa. Il commercialista viene messo al corrente anche di questa comunicazione e ci rassicura di tenere tutto sotto controllo. Il 28 dicembre 2011 ci giunge la cartella esattoriale. Il commercialista ci rassicura che avrebbe presentato degli sgravi. Dopo dovuti controlli, ci siamo accorti che si trattava di certificati falsi.

Dopo aver denunciato il commercialista, ci siamo rivolti all'agenzia delle entrate che, pur riconoscendo la truffa, non possiede strumenti della legislazione perché non conosce precedenti in merito e, dichiarando tutta la disponibilità a risolvere il caso, ci ha chiesto di fornire elementi riguardanti cause precedenti similari che possano essere utilizzati anche nel caso specifico per riaprire i termini dell'accertamento e ricalcolare il nostro debito.

Nel caso in cui la violazione è dovuta alla condotta illecita di un professionista iscritto negli appositi albi professionali (nei casi previsti dall'articolo 1, comma 1, della legge 11 ottobre 1995, n. 423), il contribuente truffato può chiedere la sospensione delle sanzioni amministrative irrogate per omesso, tardivo o insufficiente versamento di tributi.

Il debito resta quello che è, con gli interessi legali che poi non sono eccessivi, anche se non equivalenti a quelli corrisposti dalle banche per i depositi in conto corrente.

Spero che, nel frattempo, abbiate finalmente preso la decisione di rivolgervi ad un altro commercialista.

17 giugno 2012 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale
notifica cartella esattoriale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Omessa presentazione della dichiarazione dei redditi - il contribuente non è esente da colpa per il solo fatto di aver incaricato un professionista per i relativi adempimenti
La violazione delle norme tributarie suscettibile di sanzione da parte della legge richiede che il comportamento addebitato sia posto in essere con dolo o anche colpa: il contribuente a cui venga contestata la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e l'omessa tenuta delle scritture contabili obbligatorie non può considerarsi esente ...
Dichiarazione redditi » Se il tuo commercialista dimentica di presentarla non devi pagare le relative more e sanzioni
Se il commercialista dimentica di presentare la dichiarazione redditi del proprio cliente, il contribuente deve pagare comunque le tasse ma non le more e le sanzioni per il ritardo. La dichiarazione redditi consegnata all'intermediario entro i termini e poi dallo stesso non trasmessa al fisco, non va considerata omessa. Rimane ...
Avviso di accertamento intestato a defunto » Nulla la notifica se avviene presso ultima residenza del de cuius ma non collettivamente a tutti gli eredi
E' nullo l'avviso d'accertamento non notificato collettivamente agli eredi presso l'ultima dimora del de cuius. L'atto tributario intestato al defunto non può essere direttamente notificato agli eredi che non hanno comunicato all'Agenzia delle Entrate le proprie generalità e il proprio domicilio fiscale. In difetto della comunicazione, l'avviso di accertamento e ...
Iva a credito » Ecco come poter recuperare le somme in caso di omessa dichiarazione
In caso non fosse stata presentata la dichiarazione Iva a credito dell'anno precedente, è possibile presentare la stessa oggi e recuperare il credito Iva esposto nella dichiarazione dell'anno successivo? Durante lo svolgimento dell'attività professionale o anche di impresa può’ accadere che la conformazione dei costi porti il contribuente a maturare ...
Legittima la notifica della cartella esattoriale ad erede se atto richiama iscrizione a ruolo a carico del de cuius
In tema di accertamento la circostanza che la cartella di pagamento sia stata notificata all'erede dell'originario contribuente, non ne fa venir meno la legittimità, quando emessa in conformità dell'articolo 25 d.p. r. numero 602 del 1913, come sostituito dall'articolo 11 d. lgs . numero 46 del 1999, poiché, secondo costante ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca