Agevolazioni prima casa per cittadino italiano trasferitosi all’estero

Mi sono appena trasferito all’estero per ragioni di lavoro. Non so quanto durerà la mia permanenza all’estero (forse due/tre anni), ma vorrei acquistare casa in Italia. Sembra che io non possa fruire delle agevolazioni prima casa, non potendo trasferire la residenza nel Comune ove è situato l’immobile entro i diciotto mesi previsti dalla legge. C’è qualche norma particolare prevista per il mio caso specifico?

Le agevolazioni spettano anche alla persona trasferita all’estero per ragioni di lavoro, che acquisti l’immobile nell’ambito territoriale del comune in cui ha sede o esercita l’attività il soggetto da cui dipende.

Questa ipotesi, tuttavia, è riferibile al solo rapporto di lavoro subordinato – con esclusione di qualsiasi altra tipologia di rapporto – che può essere instaurato anche con un soggetto che non necessariamente rivesta la qualifica di imprenditore.

25 Agosto 2014 · Ludmilla Karadzic

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?