Agevolazioni fiscali per ristrutturazione edilizia e il risparmio energetico – La cessione diretta del credito d’imposta (la detrazione) all’impresa che effettua i lavori in cambio di uno sconto equivalente


Ho sentito parlare della possibilità di fruire delle agevolazioni fiscali per la ristrutturazione e per la riqualificazione energetica delle unità abitative, fruendo del credito di imposta, sotto forma di sconto sui lavori, direttamente dall’impresa che esegue l’intervento, senza dover attenderne il rimborso in dieci annualità. Come funziona?

Con il provvedimento 660057/2019, l’Agenzia delle Entrate ha disposto, fra l’altro, che per gli interventi di ristrutturazione edilizia con conseguimento di risparmi energetici o di riqualificazione energetica degli edifici eseguiti su singole unità immobiliari (ex articolo 16 decreto legge 63/2013 e articolo 16 bis Dpr 917/86), compresa l’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia, realizzati anche in assenza di opere edilizie, è possibile cedere il credito di imposta a cui si avrebbe diritto (recuperabile in dieci rate annuali di pari importo) ai fornitori (e agli installatori) di beni e servizi ed impianti necessari alla realizzazione degli interventi.

I contribuenti devono comunicare, entro il 28 Febbraio dell’anno successivo a quello di sostenimento della spesa, i dettagli della cessione nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

28 Agosto 2019 · Ludmilla Karadzic



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Agevolazioni fiscali per ristrutturazione edilizia e il risparmio energetico – La cessione diretta del credito d’imposta (la detrazione) all’impresa che effettua i lavori in cambio di uno sconto equivalente