Agente di recupero crediti – minacce

Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Argomenti correlati:

Ho chiesto un prestito che mi è stato concesso: poi per problemi di lavoro e di salute abbastanza seri (cancro con invalidità al 100%), quindi con impossibilità di lavorare, ho pagato fino a quando ho potuto anche con cambiali. Poi é arrivato il momento di non riuscire più a farlo e sono arrivate le visite dell’agente di recupero crediti con minacce e cose varie. Come posso fare?

Può diffidare, con lettera raccomandata AR, la società titolare del credito a non inviare funzionari addetti al recupero presso la sua abitazione: se ciò non bastasse, può invocare l’intervento della forza pubblica appena si presenteranno a casa sua.

13 Settembre 2017 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Recupero crediti » Due agenzie accusate di minacce ed inganni
Due note società di recupero crediti, usavo metodi di riscossione alquanto discutibili. Ma, sicuramente sanzionabili. E' per questo motivo che, su segnalazione di alcune associazioni di consumatori, l'Agcm (Antitrust) ha messo nel mirino due società di recupero crediti, già note per pratiche scorrette. Parliamo di Esattoria srl e Ge.Ri. L'Antitrust, infatti, ha avviato un provvedimento per pratiche commerciali scorrette e aggressive ad opera delle due società, intimandone la sospensione. Gli inganni delle due agenzie di recupero crediti Chiunque abbia maturato un debito,e spesso anche chi non ha alcun debito, nei confronti di un gestore telefonico, ad esempio, conosce bene i ...

Minacce dagli esattori di recupero crediti – La giurisprudenza conferma che si tratta di reato di estorsione
Non serve la prova di una percentuale pattuita sulla somma da riscuotere. La fattispecie più lieve ex articolo 393 Cp va esclusa se i toni dell'intimidazione sono tali da andare oltre ogni ragionevole intento di far valere un diritto in modo arbitrario. Scatta il reato di estorsione per chi terrorizza il debitore, anche se agisce come mero mediatore per consentire a un terzo il (presunto) recupero del denaro. E ciò anche quando la somma è poi materialmente versata a chi accampa il diritto e non all'autore delle intimidazioni. Di fronte alle minacce di morte va esclusa la fattispecie più lieve ...

Vessato dall'addetto al recupero crediti domiciliare - Interessi usurari e minacce in caso di cambiale in scadenza non pagata
Ho commesso l'errore di accettare la proposta di una società di recupero crediti firmando cambiali per chiudere il contenzioso con interessi altissimi (il 15% annuo annuo composto) calcolati sull'importo effettivamente dovuto. Poi, non ho potuto più sostenere i pagamenti mensili per cause che non sto qui a raccontare: sono stato protestato, ma non è finita qui. Mi ritrovo periodicamente, ogni santissimo mese, un addetto al recupero crediti che si piazza fuori la porta di casa mia per riscuotere la cambiale in scadenza, mi minaccia ripetutamente e se non lo faccio entrare comincia a sbraitare ad alta voce richiamando l'attenzione dei ...