Affitto ramo di azienda – Ma il contraente non aveva titolo per locare

Argomenti correlati:

Un mese fa io e mia moglie abbiamo preso in affitto un ramo di azienda che consiste in un bar: mancavano dei documenti, li abbiamo fatti richiedere al comune, dopo un mese ho chiamato il comune e ho avuto l’amara notizia, ossia che l’attività è una concessione comunale, intestata ad un altra persona e non quella che ha stipulato l’atto notarile con noi.

Adesso non ci fanno aprire e noi abbiamo investito tutti i nostri risparmi: come dovremmo comportarci dato che nessuno riesce a risolverci questo problema? Chi ci ridà adesso i nostri risparmi?

Nonostante l’estrema genericità della domanda, direi che la prima cosa da fare è quella di rivolgersi ad uno studio legale per verificare le eventuali responsabilità da inadempimento professionale del notaio e chiedere un risarcimento danni.

Infatti, per consolidata giurisprudenza di legittimità, tra gli obblighi del notaio, vengono ricondotte le attività accessorie e successive necessarie per il conseguimento del risultato voluto dalle parti, ed in particolare l’acquisizione della documentazione finalizzata ad individuare esattamente il bene o il servizio oggetto del contratto e a verificarne la disponibilità per la compravendita, la locazione o il trasferimento di gestione.

29 Giugno 2016 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Affitto d'azienda in nero e contratto simulato
A settembre ho ceduto in affitto d'azienda la mia ditta individuale ad una Srls (dove io sono all'1% in quanto preposto e la mia socia ex dipendente al 99% e amministratore unico). L'attività nel 2018 aveva 30mila euro di ricavi. Siccome io sono sovraindebitata per la chiusura di una precedente attività (sia con enti che con fornitori e dipendenti) e che per l'amministratore della srls le imposte sarebbero state eccessive, in accordo tra le parti, è stato redatto l'atto notarile per la durata di 9 anni (pari alla durata del mio contratto di affitto del fondo commerciale) dove mi vengono ...

Cessione d'azienda e di ramo d'azienda - Dei debiti risponde l'acquirente o l'alienante?
La regola generale prevede che nel trasferimento dell'azienda i creditori aziendali possono contare sulla responsabilità sia dell'alienante che dell'acquirente, entrambi obbligati in solido. La previsione della solidarietà dell'acquirente dell'azienda nella obbligazione relativa al pagamento dei debiti dell'azienda ceduta è posta a tutela dei creditori, e non dell'alienante: sicché, essa non determina alcun trasferimento della posizione debitoria sostanziale, nel senso che il debitore effettivo rimane pur sempre colui cui è imputabile il fatto costitutivo del debito, e cioè il cedente, nei cui confronti può rivalersi in via di regresso l'acquirente che abbia pagato, quale coobbligato in solido, un debito pregresso dell'azienda. ...

No alla prassi dello scorporo di un ramo d'azienda creato ad hoc al solo fine di espellere i lavoratori
Secondo giurisprudenza consolidata deve intendersi come ramo d'azienda ogni entità economica organizzata la quale, in occasione del trasferimento, conservi la sua identità, presupponendo ciò comunque una preesistente entità produttiva funzionalmente autonoma (potendo conservarsi solo qualcosa che già esiste), e non anche una struttura produttiva creata ad hoc in occasione del trasferimento o come tale unicamente identificata dalle parti del negozio traslativo, essendo preclusa l'esternalizzazione come forma incontrollata di espulsione di frazioni non coordinate fra loro, di semplici reparti o uffici, di articolazioni non autonome, unificate soltanto dalla volontà dell'imprenditore e non dall'inerenza del rapporto ad una entità economica dotata di ...

Dove mi trovo?