Studente universitario in affitto a Roma - Ho diritto a detrazioni su contratto di locazione?

Sono uno studente universitario, di origine calabrese, che vive a Roma per studiare giurisprudenza: ho affittato un appartamento in zona abbastanza centrale, vicino La Sapienza, a canone concordato per 900 euro mensili, più spese.

Per mantenere gli studi, oltre ad aiuti extra dai miei, lavoro come barista in quartiere San Lorenzo: ho un contratto a tempo determinato per 800 euro mensili.

Ho sentito dire che in alcuni casi si può usufruire di detrazioni fiscali sul contratto d'affitto.

E' vero?

Come posso beneficiarne e quanto posso risparmiare?

Si, agli studenti universitari fuori sede è concessa la fruizione di una detrazione fiscale sui canoni di locazione pagati per l'alloggio, se si risponde a determinati requisiti.

Più nel dettaglio, l'accesso alla detrazione è subordinato alle seguenti condizioni:

  • che l'Università sia ubicata in un Comune distante almeno 100 km dal Comune di residenza dello studente;
  • che la stessa sia ubicata in un Comune di una provincia diversa dal Comune di residenza dello studente;
  • che gli immobili oggetto di locazione debbano essere situati nello stesso Comune in cui ha sede l'Università o in un Comune limitrofo.

In merito al calcolo della distanza dei cento chilometri necessari per usufruire della detrazione è intervenuta la circolare ministeriale 34/E/2008, la quale ha disposto che al fine di verificare il rispetto del primo requisito è possibile fare riferimento alla distanza chilometrica più breve tra il Comune di residenza e quello in cui ha sede l'Università, calcolata in riferimento ad una qualsiasi delle vie di comunicazione esistenti, ad esempio ferroviaria o stradale. Il diritto alla detrazione sussiste se almeno uno dei suddetti collegamenti risulti pari o superiore a cento chilometri.

In merito agli importi detraibili, il bonus è calcolato in misura non fissa ma percentuale.

In particolare la detrazione fiscale sull'affitto per l'appartamento universitario è pari al 19% dell'importo versato al padrone di casa.

In ogni caso l'ammontare della spesa massima non può superare 2.633 euro annui.

Con la conseguenza che il risparmio massimo d'imposta è di 500,27 annui.

Per quanto riguarda la compilazione del modello 730/ 2016 la spesa per i canoni di locazione di studenti fuori sede va indicata nel Quadro E righi da E8 a E12 con il codice 18 Spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede, mentre nel modello Unico 2016 la stessa si riporta nel Quadro RP rigo RP18.

5 dicembre 2017 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

agevolazioni fiscali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche ...
Canoni di locazione » Il versamento dell'affitto è dovuto fino alla riconsegna delle chiavi dell'appartamento
Il conduttore deve continuare a pagare l'affitto finché non riconsegna le chiavi dell'immobile: non importa se ha smesso smesso di viverci da diverso tempo perché, ad esempio, è crollato il soffitto. Non è consentito, infatti, al conduttore astenersi dal versare il canone, ovvero ridurlo unilateralmente, nel caso in cui si ...
Contratti di affitto » Tutti i rischi e le conseguenze di una locazione non registrata (in nero)
Parliamo di contratti di locazione: quali sono i rischi e le conseguenze a cui vanno incontro, sia locatore che locatario, nel caso di un affitto non registrato? Il contratto di locazione va registrato? Molti si pongono la domanda su cosa avvenga in caso di mancata registrazione di un contratto di ...
Canone Rai » A chi è dovuto l'onere in caso di contratto di locazione?
Si è stipulato un contratto di locazione come affittuario e l'apparecchio televisivo appartiene al proprietario dell'appartamento: chi deve pagare il canone rai? Lo spieghiamo nel prosieguo dell'articolo. E' bene notare che dal 2016 l'addebito del canone Rai, vale a dire dell'imposta sul possesso della televisione, finisce direttamente nella bolletta della ...
Il mutuo affitto
Il mutuo affitto è un mutuo a tasso variabile rata costante e durata variabile. Il mutuo affitto è un contratto di prestito. Il mutuo affitto consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca