Affittare un appartamento ai tempi del Coronavirus


Devo rimettere in affitto un appartamento che mi lascerà libero la precedente affittuaria, un’infermiera che va in Lombardia dato che le hanno offerto un contratto a tempo indeterminato) entro i primi di aprile.

Volevo chiedere, in regime delle attuali norme anti Corona Virus, se mi è consentito mostrare l’appartamento (ho un annuncio dove lo rendo disponibile per inizio maggio) ai futuri locatari, e se avrò magari problemi (dovendo chiedere le varie attestazioni di legge compresa quell’attestazione di conformità per avere la cedolare secca presso gli Uppi e la mia commercialista) a trovare uffici aperti e se potrò recarmici.

Nessuna eccezione alle norme attualmente in vigore per contrastare la pandemia da Coronavirus è concessa a chi, come lei, si trova nella condizione di dover locare un immobile per civili abitazioni.

Credo che troverà enormi difficoltà, qualora anche riuscisse a trovare qualcuno interessato alla locazione, ad ottenere le attestazioni richieste per fruire del regime fiscale della cedolare secca.

Il suggerimento è quello di rassegnarsi a lasciare sfitto l’appartamento per qualche mese, almeno fino a quando le acque non si saranno calmate.

27 Marzo 2020 · Piero Ciottoli



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Affittare un appartamento ai tempi del Coronavirus