Addio alle monete da 1 e 2 cent - Subiremo il solito aumento dei prezzi?

Sono una massaia romana che fa regolarmente la spesa, sia la mercato che al supermarket, per la sua numerosa famiglia.

Ho letto sul giornale che da poco tempo non sono più disponibili le monete da 1 e 2 centesimi.

I commercianti che faranno, dunque, arrotonderanno al rialzo come sempre?

Saremo sempre noi a subire?

C'è qualche istituto che ci tutela?

A partire dal 1 Gennaio 2018 è stato sospeso in Italia il conio delle monetine da 1 e 2 centesimi di euro.

Dunque, quando si paga in contanti un importo in euro lo stesso va arrotondato, dice la legge, al multiplo di cinque centesimi più vicino, per eccesso o per difetto.

Si parla di importi autonomi complessivi da pagare, quindi il totale espresso in uno scontrino, per esempio, o in una fattura o altro.

Per cui un importo totale di euro 10,72 diventa euro 10,70 mentre un importo di euro 10,88 diventa euro 10,90.

La regola vale per tutti ed anche per gli incassi, oltre che per i pagamenti, che avvengono in contanti.

La legge precisa che i soggetti pubblici devono consentire l'arrotondamento senza necessità di ulteriori disposizioni.

Sarà il Garante per la sorveglianza dei prezzi che dovrà vigilare sull'impatto che questa novità avrà sui prezzi al consumatore, in special modo sulla loro conseguente variabilità, e riferire le proprie osservazioni semestralmente al Ministero dello sviluppo economico che, a sua volta, potrà segnalare ipotetiche anomalie all'Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) oppure proporre nuove normative.

14 febbraio 2018 · Gennaro Andele

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?