Ad oggi nullatenente ma futuro erede - Come comportarmi?

Volevo sapere se esiste l'evenienza che se uno ha pagato una certa parte del debito (85-90%) può non subire conseguenze. Sopratutto potendo dimostrare totale impossibilità a pagare. Ad oggi nullatenente ma erediterò terra e case. C'è un termine oltre il quale il debito va in prescrizione? O appena mi si intesterà qualcosa, anche se non nel futuro prossimo ma tra un decennio o più, prenderanno il tutto? Ad oggi è la terza società di recupero crediti a tormentarmi, anche questa non iscritta all'Unirec.

Non esiste, purtroppo, l'evenienza a cui lei fa riferimento, né l'esdebitazione del debito residuo si ottiene dimostrando che non si è in grado di pagare, a meno che non si voglia intraprendere la procedura di composizione delle crisi da sovraindebitamento.

Per i prestiti la prescrizione è decennale ed interviene, tuttavia, solo se il creditore non si premura di inviare nemmeno una raccomandata AR (notifica valida anche se perfezionata per compiuta giacenza al proprio debitore).

Se il credito è stato ceduto, le società cessionarie (anche se non iscritte in UNIREC) solitamente lasciano prescrivere il debito, non intendendo investire, per un tentativo di riscossione stragiudiziale, neanche il costo della raccomandata.

16 dicembre 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ho debiti ma sono nullatenente

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Prescrizione dei contributi previdenziali ed assistenziali
Per i contributi relativi a periodi precedenti l'entrata in vigore della legge 335/1995 (17 agosto 1995) il termine di prescrizione resta decennale nel caso di atti interruttivi compiuti dall'INPS anteriormente al 31 dicembre 1995, i quali valgono a sottrarre a prescrizione i contributi maturati nel decennio precedente l'atto interruttivo e ...
Prescrizione della cartella esattoriale per la riscossione di imposte non versate
Il credito erariale per la riscossione dell'imposta non versata è soggetto non già al termine di prescrizione quinquennale previsto per tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi, bensì all'ordinario termine di prescrizione decennale. Infatti, la prestazione tributaria, attesa l'autonomia dei singoli periodi d'imposta e ...
Regime transitorio di prescrizione per crediti contributivi INPS
Ove una nuova legge stabilisca un termine di prescrizione più breve di quello fissato dalla legge anteriore, il nuovo termine si applica anche alle prescrizioni in corso, ma decorre dalla data di entrata in vigore della legge che ne ha disposto l'abbreviazione e, naturalmente, questo principio si applica solo alle ...
Revirement in Corte di cassazione - Quinquennale la prescrizione delle cartelle esattoriali per debiti erariali
Il diritto alla riscossione delle sanzioni amministrative pecuniarie previste per la violazione di norme tributarie, derivante da sentenza passata in giudicato, si prescrive entro il termine di dieci anni, mentre, se la definitività della sanzione non deriva da un provvedimento giurisdizionale irrevocabile vale il termine di prescrizione di cinque anni, ...
Recupero crediti - il codice deontologico degli agenti esattoriali UNIREC
Il presente codice deontologico è valido per il personale iscritto nei registri di qualifica UNIREC con la qualifica/patentino di “agente esattoriale”. Ai fini del presente Codice Deontologico, il termine “debitore” identifica le persone con cui l'agente esattoriale viene a contatto, nel corso della sua attività istituzionale (il soggetto titolare del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca