Acquisto mobili difettosi e scarico responsabilità tra produttori e fornitori – Quali sono i diritti dei consumatori?

Ho acquistato presso un noto fornitore dei mobili per la cucina e per la stanza di mio figlio: dopo poco, però, ci siamo accorti che alcune cose non funzionavano a dovere, come alcune ante difettose e degli scaffali che non si chiudevano a dovere.

Ho subito contattato l’azienda che però ha iniziato una sorta di scaricabarile con il produttore.

Insomma, io ho pagato: cosa posso fare?

Quali sono i miei diritti?

Sono sempre più numerose le segnalazioni di consumatori che lamentano casi di mobili difettosi: il più delle volte, purtroppo, in queste fattispecie entra in gioco una sorta di rimpallo di responsabilità tra venditore e produttore nel momento in cui sorge un problema.

Facciamo subito chiarezza: è il negoziante ad essere responsabile del prodotto difettoso durante i primi due anni dall’acquisto.

Si tratta della garanzia legale che entra in gioco ogni volta in cui il consumatore riscontra delle difformità dell’articolo acquistato rispetto alle caratteristiche dichiarate nella pubblicità, sulla confezione o dal venditore.

Un caso molto frequente riguarda i difetti di conformità che sopraggiungono dopo il montaggio dei mobili acquistati: anche in questo caso è possibile far valere la garanzia legale sul venditore.

Riassumendo, dunque, la garanzia legale ha queste caratteristiche:

  • è valida due anni dalla consegna del bene;
  • è obbligatoria per legge;
  • è inderogabile (cioè non subisce eccezioni);
  • può essere fatta valere dal consumatore direttamente nei confronti del venditore (e non del produttore, salvo che non si voglia far valere la garanzia contrattuale).

Il consumatore, il cui bene abbia un difetto di conformità, deve rivolgersi dunque al rivenditore che è l’unico soggetto responsabile nei suoi confronti, a prescindere dal fatto che il difetto dipenda da un altro soggetto della catena distributiva: il cliente, per esercitare i suoi diritti, ha l’onere di denunciare il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui l’ha constatato, per iscritto mediante lettera raccomandata A/R o per e-mail o per fax.

Facendo valere la garanzia legale il consumatore ha diritto, a sua scelta, alla riparazione o alla sostituzione del bene difettoso da parte del venditore, senza addebito di spese.

Solo se il venditore non provvede a riparare o sostituire il bene entro il termine congruo (o la riparazione effettuata in precedenza ha portato notevoli inconvenienti) il consumatore può arrivare a chiedere la risoluzione del contratto.

Accanto alla garanzia legale di conformità, il Codice del Consumo prevede la possibilità di offrire, gratuitamente oppure a pagamento, una garanzia convenzionale che non può limitare o escludere quella legale e che può comprendere servizi aggiuntivi di assistenza oppure semplicemente allungare il tempo previsto per la garanzia.

31 Luglio 2019 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Telefonia - Quali sono i diritti imprescindibili dei consumatori?
Siamo sempre più influenzati dalle decisioni delle compagnie telefoniche, che, a loro piacimento, modificano offerte (spesso al rialzo) facendo il bello ed il cattivo tempo. In quest'ottica, quali sono i diritti imprescindibili di noi consumatori? ...

Caos treni: disservizi ritardi e cancellazioni - Quali sono i diritti dei consumatori?
A causa dell'incendio di una cabina elettrica a Firenze, qualche giorno fa è avvenuto il caos nelle ferrovie italiane: sono rimasto quasi dieci ore in stazione e ho perso una giornata di villeggiatura. Ne ho viste di tutti i colori, gente disperata per ritardi a lavoro, eccetera. Vorrei sapere quali sono i diritti di noi consumatori in questi casi e se possiamo essere rimborsati. ...

Truffa dei diamanti venduti a prezzi gonfiati in banca - Proposto il rimborso in cambio di scarico responsabilità: associazioni consumatori non ci stanno
Anche io, come molti, sono caduto nella truffa, perpetuata da Unicredit e IDB, dei diamanti, proposti, come investimento, a prezzi gonfiati e con quotazioni false. Con questo scherzetto ci ho rimesso quasi ventimila euro, pazientemente accumulati negli anni. Qualche giorno fa, mi è arrivata una lettera di Unicredit, in risposta a una mia richiesta tramite PEC. Dunque, Unicredit mi ha proposto un rimborso dell'intera quota versata, in cambio però, di una dichiarazione di manleva (o scarico responsabilità), verso IDB, ovvero la società fallita che vendeva i diamanti. Non ho, però, accettato per sospetto e soprattutto per questione di principio. Cosa ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Acquisto mobili difettosi e scarico responsabilità tra produttori e fornitori – Quali sono i diritti dei consumatori?