Genitore che acquista case intestandole ad un figlio nullatenente – Quali conseguenze potrebbero esserci?

Sono nullatenente ma mio padre ha un’attività molto proficua ed ha deciso di acquistare degli immobili ed intestarli a me. Al momento del rogito manda me dal notaio a concludere l’acquisto che avviene ovviamente con pagamenti di assegni/bonifici a suo nome. Lui non compare proprio nelle scritture del notaio. Mi chiedo se questa è’ la procedura corretta per acquistare una casa ad un figlio e semmai non lo fosse, cosa potrebbe accadere.

Una delle conseguenze più probabili è un accertamento da parte di Agenzia delle Entrate finalizzato a sapere come lei, nullatenente, abbia ottenuto i fondi disponibili per acquistare gli immobili di cui risulta proprietario a tutti gli effetti: lei rischia di vedersi contestati i reati di evasione fiscale e riciclaggio (di denaro sporco).

Di solito, il genitore generoso che vuole acquistare una casa al figlio nullatenente procede con una donazione dell’immobile acquistato a proprio nome o della somma con cui il figlio acquisterà il bene (donazione indiretta). In entrambi i casi, peraltro, il beneficiario della donazione è tenuto a pagare l’imposta di donazione.

Tuttavia, in caso di donazione, il genitore donante potrebbe essere chiamato a giustificare la provenienza dei fondi trasferiti al figlio per l’acquisto, diretto o indiretto, dell’immobile. Forse per questo suo padre procede senza preoccuparsi di mettere nei guai il figlio.

29 Dicembre 2020 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Versamento assegno circolare da genitore a figlio per acquisto casa - Possono esserci problemi?
Si rischiano accertamenti versamento in banca un assegno circolare emesso da un genitore per l'acquisto di una casa? Tali donazioni devono seguire schemi precisi per tutelare sia donante che ricevente? ...

Donazione diretta a mia figlia e indiretta a mio figlio - Conseguenze
Nel 2012 ho donato a mia figlia la prima casa in occasione del suo matrimonio: nel 2013 per correttezza ed equità, ho donato all'altro mio figlio, mediante atto di donazione indiretta, quindi senza notaio, una abitazione sempre come prima casa, al pari del valore dato a mia figlia. In questa abitazione donata ci abitiamo anche noi come genitori e ci siamo riservati l'usufrutto. Nello stesso tempo ci abita mio figlio dal giorno del suo matrimonio avvenuto nel 2011 regolato con atto di comodato d'uso gratuito a vita. Si chiede, è obbligatorio registrare l'atto di donazione? se lo registriamo ora la ...

Richiesta mutuo con debito esattoriale - Potrebbero esserci problemi?
Devo richiedere un preventivo alla banca per l'erogazione del mutuo prima casa senza alcun problema di pagamenti rateali, assegni, eccetera: l'unica cosa è la presenza di alcune cartelle esattoriali risalenti ad un'attività artigianale chiusa 20 anni fa. Le cartelle sarebbero prescritte, ma l'ADER non intende annullarle in autotutela (ma non si muove in alcun modo per esigerle e questo non mi permette di invocare la prescrizione giudizialmente). Volevo sapere se la banca accede anche a quella base dati e se possono rifiutare la proposta per la presenza di tali debiti. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Genitore che acquista case intestandole ad un figlio nullatenente – Quali conseguenze potrebbero esserci?