Genitore che acquista case intestandole ad un figlio nullatenente – Quali conseguenze potrebbero esserci?


Sono nullatenente ma mio padre ha un’attività molto proficua ed ha deciso di acquistare degli immobili ed intestarli a me. Al momento del rogito manda me dal notaio a concludere l’acquisto che avviene ovviamente con pagamenti di assegni/bonifici a suo nome. Lui non compare proprio nelle scritture del notaio. Mi chiedo se questa è’ la procedura corretta per acquistare una casa ad un figlio e semmai non lo fosse, cosa potrebbe accadere.

Una delle conseguenze più probabili è un accertamento da parte di Agenzia delle Entrate finalizzato a sapere come lei, nullatenente, abbia ottenuto i fondi disponibili per acquistare gli immobili di cui risulta proprietario a tutti gli effetti: lei rischia di vedersi contestati i reati di evasione fiscale e riciclaggio (di denaro sporco).

Di solito, il genitore generoso che vuole acquistare una casa al figlio nullatenente procede con una donazione dell’immobile acquistato a proprio nome o della somma con cui il figlio acquisterà il bene (donazione indiretta). In entrambi i casi, peraltro, il beneficiario della donazione è tenuto a pagare l’imposta di donazione.

Tuttavia, in caso di donazione, il genitore donante potrebbe essere chiamato a giustificare la provenienza dei fondi trasferiti al figlio per l’acquisto, diretto o indiretto, dell’immobile. Forse per questo suo padre procede senza preoccuparsi di mettere nei guai il figlio.

29 Dicembre 2020 · Giorgio Valli



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Genitore che acquista case intestandole ad un figlio nullatenente – Quali conseguenze potrebbero esserci?