Acquisto all'asta di casa già assegnata

Sarei interessato ad acquistare un immobile a un'asta giudiziaria.

La trascrizione del pignoramento è datata luglio 2008, mentre nell'ottobre 2008 il tribunale ha assegnato l'immobile alla comproprietaria e alla figlia. La trascrizione dell'assegnazione è datata giugno 2009.

La mia domanda è semplice: se acquisto l'immobile all'asta, ne acquisto anche l'usufrutto o solo la nuda proprietà? Ho letto che la trascrizione dell'assegnazione non ha effetto se successiva a quella del pignoramento. Questo riguarda solo il creditore o anche il terzo acquirente?

Se io comprassi l'immobile, potrei andarci ad abitare oppure no? In sostanza, acquisterei tutto l'immobile o solo la nuda proprietà?

Lei acquisirà la proprietà dell'immobile (usufrutto e nuda proprietà se così vogliamo dire).

Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale non è idoneo a costituire un diritto reale di uso o di abitazione a favore dell'assegnatario, ma solo un diritto di natura personale, opponibile, se avente data certa, ai terzi entro nove anni o altrimenti anche dopo i nove anni se il titolo sia stato in precedenza trascritto.

Tuttavia, in tale contesto è stato anche sancito, da giurisprudenza conforme, che il diritto vantato dall'assegnatario della casa coniugale, opponibile al terzo acquirente, non paralizza quello del creditore di procedere sul bene oggetto dell'assegnazione, pignorandolo e facendolo vendere coattivamente.

In pratica, se il terzo acquista l'immobile dal coniuge proprietario e non assegnatario dell'immobile, dovrà lasciare il coniuge assegnatario nell'appartamento per 9 anni (18 se è stata trascritta l'assegnazione). Non è così se il terzo acquista l'appartamento nell'ambito di una procedura esecutiva di espropriazione tramite vendita all'asta.

28 marzo 2015 · Tullio Solinas

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegnazione casa familiare
casa - pignoramento espropriazione e vendita all'asta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Agevolazioni prima casa - Possibile fruire dell'imposta di registro ridotta al 2 per cento anche per l'acquisto di una seconda casa a condizione che entro un anno si alieni la prima
Com'è noto, ai fini dell'applicazione dell'aliquota del 2 per cento dell'imposta di registro agli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di case di abitazione non di lusso e agli atti traslativi o consuntivi della nuda proprietà , dell'usufrutto, dell'uso e dell'ambientazione relativi alle stesse, devono ricorrere le seguenti condizioni: che ...
Provvedimento di assegnazione della casa familiare - Non opponibile al creditore se posteriore ad iscrizione ipotecaria
Com'è noto, il provvedimento di assegnazione della casa familiare nell'interesse dei figli è opponibile ai terzi: in particolare il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, avendo per definizione data certa, è opponibile, anche se non trascritto, al terzo acquirente in data successiva per nove anni dalla ...
Casa familiare - Ipoteca, pignoramento, espropriazione ed assegnazione al coniuge affidatario » Pillole di giurisprudenza
Il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario non paralizza il diritto del creditore di procedere con azione esecutiva di pignoramento ed espropriazione sul bene oggetto dell'assegnazione (Cassazione 12466/12). Il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, non è opponibile al creditore ipotecario che ...
Acquisto di un immobile all'asta? » Ecco quali sono i requisiti per poter fruire delle agevolazioni
Vi spieghiamo quali sono i requisiti per poter fruire delle agevolazioni nel caso dell'acquisto di un immobile tramite asta. La legge di stabilità 2017 ha prorogato al 30 giugno 2017 (e non più al 31 dicembre) le agevolazioni fiscali per l'acquisto di una casa tramite asta. Dunque, chi decide di ...
Dichiarazione dei redditi - Interessi passivi del mutuo detraibili anche per acquisto del solo usufrutto della casa di abitazione principale
Per quanto riguarda le detrazioni da portare in dichiarazione dei redditi, le norme vigenti (articolo 13 bis del DPR 917/1986) stabiliscono che dall'imposta lorda si detrae un importo pari al 19 per cento degli interessi passivi, e dei relativi oneri accessori in dipendenza di mutui garantiti da ipoteca su immobili ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca