Acquisti sicuri sul web? - Ecco il vademecum della Polizia di Stato

Essendo uno shopper della vecchia scuola, ancora oggi, non mi fido per niente ad acquistare tramite il web: la mia paura è sempre quella che la merce non arrivi, o di essere svuotato del conto.

Devo dire che, però, sulla rete girano delle offerte davvero vantaggiose.

Dunque, se volessi cominciare ad acquistare via internet, quali precauzioni dovrei seguire?

A fronte del dilagare delle truffe online, la polizia di stato ha diramato un vademecum con dei consigli per fare acquisti sicuri.

L'invito delle forze dell'ordine è quello di non sottovalutare i rischi delle transazioni online, che per quanto comode e rapide, nascondono numerose insidie.

Il primo passo per acquistare in sicurezza è avere sempre un buon antivirus e un browser aggiornati all'ultima versione.

Le occasioni troppo golose vanno sempre verificate anche su altri siti, dando la preferenza a negozi online di grandi catene già note perché oltre ad offrire sicurezza in termini di pagamento sono affidabili anche per quanto riguarda l'assistenza e la garanzia.

In caso di siti poco conosciuti si può controllare la presenza di certificati di sicurezza quali Trust e Verified / VeriSign Trusted che permettono di validare l'affidabilità del sito web.

Prima di completare l'acquisto verificare che il sito sia fornito di riferimenti quali un numero di partita iva, un numero di telefono fisso, un indirizzo fisico e ulteriori dati per contattare l'azienda.
I dati fiscali sono facilmente verificabili sul sito istituzionale dell'Agenzia delle entrate.

Prima di passare all'acquisto del prodotto è buona norma leggere i feedback pubblicati dagli altri utenti e le informazioni sull'attendibilità del sito attraverso i motori di ricerca, sui forum o sui social.

Se si sceglie di acquistare da grandi negozi online, il consiglio è quello di utilizzare le app ufficiali dei relativi negozi per completare l'acquisto.

Questo semplice accorgimento permette di evitare i rischi di passare o essere indirizzati su siti truffaldini o siti clone che potrebbero catturare i dati finanziari e personali inseriti per completare l'acquisto.

Per completare una transazione sono indispensabili pochi dati come numero di carta, data di scadenza della carta e indirizzo per la spedizione.

Se un venditore chiede ulteriori dati probabilmente vuole assumere informazioni personali (numero del conto, pin o password) che, in quanto tali, dovete custodire gelosamente e non divulgare.

Al momento di concludere l'acquisto, la presenza del lucchetto chiuso in fondo alla pagina o di https nella barra degli indirizzi sono ulteriori conferme sulla riservatezza dei dati inseriti nel sito e della presenza di un protocollo di tutela dell'utente, ovvero i dati sono criptati e non condivisi.

Attenti a phishing e/o smishing, ovvero cadere nella rete di quei truffatori che attraverso mail, sms e avvisi contraffatti, richiedono di cliccare su un link per raggiungere una pagina web trappola e sfruttando meccanismi psicologici come l'urgenza o l'ottenimento di un vantaggio personale, riusciranno a rubare informazioni personali.

L'indirizzo internet a cui tali link rimandano differisce sempre, anche se di poco, da quello originale.

Oltre che controllare i dettagli della transazione e le modalità di consegna, è importante scegliere sempre una spedizione tracciabile ed assicurata.

Il costo potrebbe essere di poco superiore ma permette di sapere in modo certo e tempestivo dove si trova l'oggetto acquistato fino alla sua consegna.

8 giugno 2018 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

tutela consumatore - truffe

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca