Accordo a saldo stralcio e debito rinunciato

Ho un accordo per un saldo a stralcio di un debito bancario che pagherò in venti anni. Il debito originario sarebbe stato finito di pagare nel 2024, ora vi chiedo per quanto tempo resterò segnalato in banca dati come cattivo pagatore? Quando finirò di pagare cioè nel 2038 oppure nel 2027 (3 anni dopo la scadenza dell'ultimo pagamento)?

A proposito della permanenza nelle banche dati dei cattivi pagatori, poi, vorrei chiedere se è influente il fatto che io pagherò un importo ridotto rispetto al debito originario, cioè 35000 euro invece che 55000. Non corro il rischio che qualcuno possa mai chiedere il rimborso del debito residuo?

L'iscrizione in Centrale Rischi permarrà sicuramente fino al 2027 (tre anni dopo la scadenza dell'ultima rata del piano originario di ammortamento stabilito dal contratto di prestito). Il creditore corrente potrebbe rinnovare la segnalazione, ma la permanenza della segnalazione non potrà superare i cinque anni successivi alla scadenza naturale del piano originario di rimborso come recentemente stabilito dall'Autorità per la tutela dei dati personali. Insomma, se proprio le andasse male, resterebbe iscritto in una delle Centrali Rischi dei cattivi pagatori fino al 2029.

Per quanto riguarda la questione dello scostamento fra la somma dovuta e quella concordata a saldo stralcio, va detto che talvolta è capitato che il creditore ceduto abbia richiesto (ed ottenuto), a carico del debitore, una nuova iscrizione in centrale rischi per il debito residuo (differenza fra importo originario a debito e cifra di rimborso concordata a saldo stralcio).

Ora, l'articolo 1236 del codice civile dispone che la dichiarazione del creditore di rimettere parte del debito estingue l'obbligazione. In pratica, il creditore può dichiarare di rinunciare alla differenza fra quanto versato dal debitore e quanto da quest'ultimo originariamente dovuto per effetto dell'accordo transattivo a saldo stralcio concluso fra le parti. Al debito residuale, in tale ipotesi, ci si riferisce come al "debito rinunciato".

L'Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 6751/13, ha poi stabilito che è illegittima la segnalazione in Centrale Rischi riguardante la differenza tra importo dovuto e importo corrisposto dal debitore se il debito residuo è stato rinunciato per effetto di un accordo transattivo concluso con il creditore.

Sulla base di queste premesse, noi abbiamo spesso raccomandato al debitore, per evitare spiacevoli sorprese in Centrale Rischi, l'esigenza di far dichiarare esplicitamente, nella quietanza liberatoria, la rinuncia del creditore, ai sensi dell'articolo 1236 del codice civile, alla differenza tra importo dovuto e importo corrisposto.

11 agosto 2018 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

accordo a saldo stralcio e debito rinunciato
cattivi pagatori - iscrizione in centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cattivi pagatori e banche dati occulte
In linea puramente teorica, ai sensi del Dlgs. 196/03 (Codice della Privacy), i dati inerenti i cattivi pagatori dovrebbero essere conservati solo per un determinato periodo di tempo, decorso il quale i cattivi pagatori dovrebbero essere cancellati. La realtà comunque è fatta di altro… pare che molte finanziarie abbiano della banche dati “occulte” di cattivi pagatori, dove le informazioni non vengono mai cancellate … chiaramente lo dico con il beneficio del dubbio, ma si sa che a pensare male si fa peccato, tuttavia ci si "azzecca" molto spesso. ...
Accordo transattivo a saldo stralcio - Illegittima la segnalazione in Centrale rischi per un debito rinunciato
Com'è noto, le disposizioni che regolano le modalità e i presupposti delle segnalazioni nelle Centrali Rischi, pubbliche e private, prevedono che il creditore (banca, finanziaria e società di recupero crediti) anche quando addiviene ad una definizione transattiva, sia sempre tenuto a procedere alla segnalazione, sebbene limitatamente alla quota parte dell'importo ...
Accordo a saldo stralcio, debito rinunciato e illegittima segnalazione in Centrale Rischi - Il punto di vista dei giudici romani
Assume una chiara valenza transattiva l'accordo a saldo stralcio concluso con la banca, se quest'ultima, pur facendo riferimento - nella quietanza liberatoria - al debito originario parzialmente rimborsato, dichiara testualmente che l'obbligazione è stata integralmente estinta, con riferimento quindi anche alla quota eventualmente non escussa. In pratica, ciò vuol dire ...
Cattivi pagatori ed apertura conto corrente
Le segnalazioni nelle SIC per i cattivi pagatori non sono ostative all'ottenimento di un conto corrente, tuttavia alcune banche - nell'ottica di selezionare la clientela - potrebbero farLe delle storie e rifiutarsi di aprirLe un conto corrente. Facendo un pò di questua fra un pò di istituti, vedrà che alla ...
Schemi cattivi pagatori
Sottoscritto dai gestori delle Centrali Rischi private, dai rappresentanti degli enti finanziari, da alcune associazioni dei consumatori e dall'Autorità per la tutela della privacy, il codice prevede una serie di disposizioni chiare e precise a tutela dei dati personali dei soggetti censiti, in perfetta armonia con il dettato legislativo del ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca