Accordo a saldo stralcio e debito rinunciato

Ho un accordo per un saldo a stralcio di un debito bancario che pagherò in venti anni. Il debito originario sarebbe stato finito di pagare nel 2024, ora vi chiedo per quanto tempo resterò segnalato in banca dati come cattivo pagatore? Quando finirò di pagare cioè nel 2038 oppure nel 2027 (3 anni dopo la scadenza dell’ultimo pagamento)?

A proposito della permanenza nelle banche dati dei cattivi pagatori, poi, vorrei chiedere se è influente il fatto che io pagherò un importo ridotto rispetto al debito originario, cioè 35000 euro invece che 55000. Non corro il rischio che qualcuno possa mai chiedere il rimborso del debito residuo?

L’iscrizione in Centrale Rischi permarrà sicuramente fino al 2027 (tre anni dopo la scadenza dell’ultima rata del piano originario di ammortamento stabilito dal contratto di prestito). Il creditore corrente potrebbe rinnovare la segnalazione, ma la permanenza della segnalazione non potrà superare i cinque anni successivi alla scadenza naturale del piano originario di rimborso come recentemente stabilito dall’Autorità per la tutela dei dati personali. Insomma, se proprio le andasse male, resterebbe iscritto in una delle Centrali Rischi dei cattivi pagatori fino al 2029.

Per quanto riguarda la questione dello scostamento fra la somma dovuta e quella concordata a saldo stralcio, va detto che talvolta è capitato che il creditore ceduto abbia richiesto (ed ottenuto), a carico del debitore, una nuova iscrizione in centrale rischi per il debito residuo (differenza fra importo originario a debito e cifra di rimborso concordata a saldo stralcio).

Ora, l’articolo 1236 del codice civile dispone che la dichiarazione del creditore di rimettere parte del debito estingue l’obbligazione. In pratica, il creditore può dichiarare di rinunciare alla differenza fra quanto versato dal debitore e quanto da quest’ultimo originariamente dovuto per effetto dell’accordo transattivo a saldo stralcio concluso fra le parti. Al debito residuale, in tale ipotesi, ci si riferisce come al “debito rinunciato”.

L’Arbitro Bancario Finanziario, con la decisione 6751/13, ha poi stabilito che è illegittima la segnalazione in Centrale Rischi riguardante la differenza tra importo dovuto e importo corrisposto dal debitore se il debito residuo è stato rinunciato per effetto di un accordo transattivo concluso con il creditore.

Sulla base di queste premesse, noi abbiamo spesso raccomandato al debitore, per evitare spiacevoli sorprese in Centrale Rischi, l’esigenza di far dichiarare esplicitamente, nella quietanza liberatoria, la rinuncia del creditore, ai sensi dell’articolo 1236 del codice civile, alla differenza tra importo dovuto e importo corrisposto.

11 Agosto 2018 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accordo transattivo e pagamento debito a saldo stralcio con piano di rientro rateale - L'importanza di fare riferimento, nella liberatoria, al debito residuo rinunciato
Avrei da chiederVi alcuni chiarimenti: ho raggiunto un accordo con banca IFIS (che ha acquistato i debiti che avevo dalla banca originaria) che ha accettato la mia proposta di pagamento di tre diversi finanziamenti. 1) totale debito 2.000 euro totale proposto 1.200 2) totale debito 5.000 euro totale proposto 3.500 3) totale debito 50.000 euro totale proposto 35.000. La banca ha accettato il pagamento delle somme proposte in pagamenti rateali che finirò di pagare tra 20 anni. Ovviamente mi è stato detto che al termine pagherò in totale 39.700 e che gli interessi sarannno bloccati e non avrò nessun problema ...

Cartolarizzazione del debito residuo da accordo a saldo stralcio - Cosa è il debito rinunciato
A seguito del parziale pagamento del saldo e stralcio, la banca ha cartolarizzato il mio debito residuo cedendolo ad una società finanziaria. Ho ricevuto una comunicazione da parte di questa società che mi avvisava dell'avvenuto ma senza alcuna richiesta di danaro. Sono passati molti mesi (quasi un anno) e ancora nessuna notizia. Le società che acquistano questi debiti deteriorati hanno un limite temporale o possono agire come e quando vogliono? ...

Cessione del credito accordo transattivo a saldo stralcio e debito rinunciato - Va bene uguale se il creditore scrive nell'accordo che rinuncia espressamente alla differenza fra debito originario e importo concordato a saldo stralcio?
In relazione alla vostra risposta di ieri, ho comunicato a banca Ifis le mie perplessità riguardo alla posizione debitoria che potrebbe non essendo estinta totalmente, al termine del pagamento totale del debito con l'accordo transattivo, mi è stato risposto che nella liberatoria ci sarà scritto che la banca rinuncia espressamente alla differenza tra il debito totale e l'importo effettivamente pagato dal debitore. Quindi vi chiedo ancora consiglio. È corretto? Posso firmare tranquillamente? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accordo a saldo stralcio e debito rinunciato