Esempi di accettazione tacita dell’eredità


Vorrei sapere se una nipote che abita nella casa (quindi ha la residenza) del de cuius si trova nel possesso dei beni per potersi configurare accettazione tacita.

Secondo il codice civile (articolo 476) l’accettazione è tacita quando il chiamato all’eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede.

Rappresentano esempi di accettazione tacita dell’eredità il pagamento da parte del chiamato dei debiti ereditari con denaro dell’eredità; il compimento di atti di disposizione di beni ereditari; la presentazione della domanda giudiziale di divisione ereditaria e le volture catastali dei beni appartenenti al de cuius; la donazione, la vendita o la cessione, che il chiamato all’eredità fa dei suoi diritti di successione; la rinunzia ai diritti di successione, qualora sia fatta verso corrispettivo o a favore di alcuni soltanto dei chiamati; la riscossione dei canoni di locazione di un bene ereditario; la richiesta di voltura di una concessione edilizia già richiesta dal de cuius.

L’onere di dimostrare che un determinato atto implica accettazione tacita dell’eredità, spetta a chi lo afferma.

24 Maggio 2019 · Stefano Iambrenghi



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Esempi di accettazione tacita dell’eredità