Accettazione e rinuncia eredità

Il notaio ieri mi ha assicurato che, nonostante abbia accettato l'eredità di mio padre con beneficio d'inventario, a distanza ormai di un anno e passa, non avendo ancora in nessun modo usufruito di questa eredità, potrei fare richiesta di rinuncia presso il tribunale tramite atto redatto presso di lui notaio.

Avrei bisogno di una conferma, se questa possibilità esiste davvero. Inoltre esistono due multe che mi sono arrivate dall'agenzi delle entrate in seguito all'esecuzione della successione. Se fosse possibile questa richiesta di rinuncia presso il tribunale, dovrei pagarle comunque? O non sarei più obbligata?

Siamo lusingati dalla sua fiducia: chiedere a noi conferma delle affermazioni di un notaio è davvero troppo, e non lo meritiamo sicuramente.

Per fortuna, siamo completamente d'accordo con il notaio, e ci mancherebbe.

L'equivoco è nato leggendo quanto da lei scritto: Alla fine abbiamo optato per il beneficio d'inventario in caso mio padre avesse dei debiti e così non è stato. Pensando di fare una cosa buona non lasciando tutto nelle mani di questa palese cacciatrice di doti, abbiamo accettato l'eredità.

Sembrava che una volta effettuata la scelta dell'accettazione con beneficio d'inventario fosse stata successivamente sciolta la riserva con la decisione di accettare ( ... in caso mio padre avesse dei debiti e così non è stato ... ). Per non lasciare tutti i beni della massa ereditaria nella disponibilità della "cacciatrice di doti" che sembra fruire anche del diritto di abitazione ... (e che, quindi, corre molti rischi di accettare tacitamente l'eredità)

La scelta di accettare l'eredità, dopo aver optato per il beneficio d'inventario, non deve necessariamente compiersi al decimo anno, ma può essere effettuata appena il chiamato all'eredità si convince che le attività del de cuius superano le passività e vuole disporre dei beni.

E' naturale che avendo optato per l'accettazione con beneficio d'inventario, è sempre possibile, allo stesso modo, rinunciare prima del compimento dei dieci anni. E dunque, concordiamo con il notaio.

Per finire, in merito alle sanzioni tributarie esse non vanno pagate, anche con l'accettazione dell'eredità. Chi accetta (dopo l'inventario) è obbligato al pagamento, invece, delle somme iscritte a ruolo per mancato e/o insufficiente pagamento delle imposte dovute dal de cuius.

23 febbraio 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Rinuncia all'eredità - Si può sempre accettare successivamente
L'atto di rinuncia all'eredità deve essere rivestito di forma solenne (dichiarazione resa davanti a notaio o al cancelliere e iscrizione nel registro delle successioni). E' escluso che la rinuncia all'eredità possa essere fatta mediante scrittura privata autenticata. La rinuncia all'eredità non fa venir meno la delazione (cioè la messa a ...
Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca ...
Rinuncia eredità con beneficio di inventario - i creditori possono chiedere di abbreviare il termine decennale per l'accettazione
A tutela dei creditori del de cuius e a tutela dei creditori nei confronti del chiamato all'eredità che accetta con beneficio di inventario, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace, il cui scopo è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile può ...
Rinuncia all'eredità del debitore fallito
Com'è noto, il codice civile (articolo 524) prescrive che, se il debitore rinuncia ad una eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l'eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. Il diritto ...
Presentare la dichiarazione dei redditi per conto del defunto comporta accettazione tacita dell'eredità
Il diritto di accettare l'eredità si prescrive in dieci anni e il termine decorre dal giorno dell'apertura della successione. Tuttavia, i chiamati che hanno rinunciato all'eredità possono sempre accettarla, anche tacitamente, se non è già stata acquistata da altri chiamati e senza pregiudizio per i diritti acquisiti da terzi sui ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca