Accesso alle banche dati dei cattivi pagatori – Quanto mi costa?


Vorrei sapere quanto mi costa verificare se e quali dati che mi riguardano, vengono conservati nelle banche dati dei cattivi pagatori.

Le richieste di accesso ai dati del debitore conservati nei Sistemi di Informazioni Creditizie private (SIC – CRIF, Experian, CTC, Assilea) e nella Centrale Rischi (CR) pubblica della banca d’Italia, sono gratuite per le persone fisiche, senza limiti di numero: bisogna fornire un indirizzo e-mail per la risposta.

Tuttavia, se si preferisce ottenere una risposta con altri mezzi (fax, lettera, eccetera) la gratuità è limitata alla prima volta nell’arco di un anno; per le richieste successive alla prima, sempre nell’arco dell’anno, il corrispettivo per il servizio richiesto è pari a 7 euro, a cui se ne possono aggiungere 3 (10 euro in totale) se la richiesta e’ incompleta e sia quindi necessario un contatto per completarla.

Per le risposte riscontrate dopo oltre 30 giorni non può essere richiesto alcun pagamento.

2 Ottobre 2019 · Ornella De Bellis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accesso alle banche dati dei cattivi pagatori – Quanto mi costa?