Sanzione amministrativa in seguito ad accertamento di violazione al divieto di assembramento stabilito dal decreto legge 19/2020

In data 4 Ottobre scorso, nel mio paese, un maresciallo dell’arma dei Carabinieri in borghese è intervenuto di sua spontanea iniziativa, presso una festa di minorenni che si stava tenendo proprio sotto la sua casa di abitazione (non in servizio nel mio paese e non in servizio in quel momento) perché esasperato dal continuo chiasso all’una di notte.

Mentre usciva dal locale della festa, in luogo aperto, nei pressi di una piazzetta adiacente alla casa di abitazione del suddetto maresciallo, erano seduti, su 2 panchine separate, 6 ragazzi tra cui mio figlio che erano semplicemente seduti in quanto stavano chi bevendo acqua chi fumando a debita distanza. Il maresciallo, qualificandosi frettolosamente come tale ai ragazzi, e palesemente innervosito per quanto stava accadendo in prossimità di casa sua per via della festa privata, ha preteso i documenti degli stessi, annotandoli su un foglio di carta, rispondendo che avrebbero ricevuto il verbale per assembramento a casa.

Oggi, dopo 8 giorni dall’evento, mio figlio ed i suoi amici sono stati chiamati dalla locale caserma dei carabinieri che ha notificato loro (solo notificato) l’accertamento di violazione amministrativa, redatto e firmato in solitaria dal Maresciallo in borghese come unico verbalizzante, scrivendo che i ragazzi non rispettavano il divieto di assembramento. Ora mi chiedo, è possibile contestare un verbale notificato ben dopo 8 giorni dall’evento della presunta infrazione? può un maresciallo in borghese, non operante nel paese dove è avvenuto il fatto, da solo e senza l’ausilio di altri carabinieri, emettere verbali in questa modalità? Voglio precisare che i ragazzi, nel momento del fatto erano seduti su due panchine diverse con la mascherina abbassata perché stavano bevendo e non è stato dato loro la possibilità di spiegare nulla. Vi ringrazio per la risposta che vorrete fornirmi

L’articolo 4 (sanzioni e controlli) del decreto legge 19/2020 stabilisce al comma 3 che si applicano, per quanto non stabilito dal presente articolo, le disposizioni di cui alla legge 689/1981. L’articolo 14 (contestazione e notificazione) della norma appena citata sancisce che la violazione, quando é possibile, deve essere contestata immediatamente al trasgressore. In ogni caso, i motivi, eventualmente ostativi alla contestazione immediata, devono essere dettagliatamente riportati nel verbale di accertamento.

Una volta notificato il verbale, la relativa sanzione amministrativa va pagata entro 60 giorni dalla data di notifica: l’opposizione alla sanzione amministrativa, trattandosi di accertamento delle violazione effettuato dai Carabinieri, va proposta, sempre entro 60 giorni dalla data di notifica, innanzi al Prefetto.

Tuttavia, in caso di rigetto del ricorso (quasi certo in quanto il Prefetto non è un giudice terzo, ma rappresenta la controparte), può essere presentato ricorso al Giudice di Pace territorialmente competente entro 30 giorni dalla notifica dell’ordinanza prefettizia di ingiunzione al pagamento della sanzione.

Come accennato, nel verbale redatto dal maresciallo dei Carabinieri dovrebbe essere specificato il motivo per cui non sia stato possibile contestare immediatamente la violazione ai trasgressori. Su questa base potrebbe essere impostato il ricorso al Giudice di pace territorialmente competente, da presentare entro 30 giorni dalla notifica del rigetto dell’istanza di annullamento del verbale di accertamento da parte del Prefetto per evidenti vizi di notifica.

Probabilmente, se non già trascritto nel verbale di accertamento, l’agente sosterrà innanzi al Giudice di Pace che, al momento dell’accertamento dell’infrazione, egli non disponeva dei moduli necessari per verbalizzare la violazione. Questa procedura, tuttavia, non è ammissibile, in quanto, secondo la normativa vigente, il maresciallo avrebbe dovuto allertare immediatamente le forze dell’ordine in servizio (Carabinieri, polizia municipale o di Stato, eccetera) affinché contestassero la violazione e redigessero il verbale notificandolo immediatamente ai trasgressori (comportamento che, per inciso, il maresciallo avrebbe dovuto tenere per interrompere l’assembramento formatosi nel corso della festa organizzata dai minorenni nei pressi della di lui abitazione).

In veste di avvocato del diavolo presumo che il maresciallo addurrà, per motivare l’omessa contestazione immediata, che i trasgressori, dopo aver fornito le proprie generalità, si siano dileguati e che quindi sarebbe stato inutile allertare le forze dell’ordine. In tale evenienza, qualora il giudice si dimostrasse propenso ad accogliere questa tesi, per smentire quanto asserito dal sottufficiale dei carabinieri, si dovrà procedere con querela di falso, con il necessario supporto tecnico di un avvocato e le testimonianze di quanti (non sanzionati) furono presenti all’evento.

Per finire una precisazione: la mascherina non potrebbe essere indossata in un luogo pubblico (pubblica piazza o pubblica via da non confondere con gli esercizi pubblici, che sono luoghi privati aperti al pubblico), dove il cittadino deve girare a volto scoperto. L’utilizzo della mascherina è imposto da un DPCM (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) o da leggi regionali che hanno il rango di decreti amministrativi (inferiore, dunque, ad un decreto legge). Ed infatti, chi era seduto sulla panchina è stato multato per assembramento o inosservanza della distanza interpersonale, non perché portasse la mascherina abbassata.

13 Ottobre 2020 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Coronavirus - Multa per trasferimento fra Comuni diversi (benché confinanti) in violazione delle norme sulla limitazione degli spostamenti sancite dal decreto legge 19/2020
Sono stato multato perché andavo in negozio accompagnando mia moglie, che è titolare, e che non si sentiva bene, per prendere dei documenti fiscali da inviare al commercialista per e-mail. I comuni sono confinanti: all'inizio voleva multare entrambi, poi ha optato solo per me. Capisco il momento, ma vi chiedo se c'è qualche possibilità valida per ricorrere. ...

Violazione delle limitazioni di spostamento finalizzate a contrastare la diffusione del Covid19 ed omissione del numero di verbale della sanzione amministrativa
Mio padre di 87 anni è stato fermato dalla polizia provinciale in seguito alle restrizioni covid-19: sulla multa consegnatagli il numero di verbale è assente, omesso. Le modalità di pagamento riportano alla compilazione di bollettino postale. Sulla multa è specificato di pagare la stessa indicando due caratteri essenziali che sono il numero di verbale (causale del bollettino) e il c/c postale (Tesoreria centrale di Roma). Una volta pagato il bollettino la multa deve essere inviata (copia di essa) tramite pec o raccomandata alla polizia provinciale. Sono impossibilitato dall'espletare il pagamento e relativamente dimostrare il versamento in quanto manca il numero ...

Notifica del verbale di accertamento per infrazione che comporta una sanzione amministrativa - Quando il trasgressore non sottoscrive l'atto e non ne ritira copia
Sono un Agente Accertatore: tempo fa io e i miei colleghi abbiamo elevato una sanzione per trasgressione a una legge regionale, ma il trasgressore si è rifiutato di firmare e di accettare copia (nonostante fosse stato avvisato che con la copia del verbale avrebbe avuto la possibilità di inoltrare eventuale ricorso). Successivamente ho pensato di notificare detta sanzione, ma alcuni Amici della polizia locale, sicuramente molto più ferrati di me in questo campo, mi hanno detto che avendo io apposto la seguente dicitura sul verbale, lo stesso era da intendersi già implicitamente notificato (LA CONTESTAZIONE E' AVVENUTA IMMEDIATAMENTE, REGOLARMENTE E ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sanzione amministrativa in seguito ad accertamento di violazione al divieto di assembramento stabilito dal decreto legge 19/2020