Accertamenti Tarsu

Ho ricevuto dal Comune un provvedimento di accertamento (datato dicembre 2011) per la Tarsu anno 2009. In pratica rispetto alla situazione dichiarata (118mq) c'era una differenza di 22 mq (140mq accertata presumo dai dati catastali). Premettendo che la differenza è dovuta, dal momento dell'accertamento (2011) ad oggi, la superficie per la quale dovrei pagare la tassa non dovrebbe essere aggiornata (quindi 140mq)? Invece mi arriva ancora (nel 2014) la cartella con 118 mq. E' corretto? Posso contestare la sanzione degli ultimi 3 anni?

La cartella esattoriale notificata nel 2014 si riferisce all'omesso pagamento della Tarsu di un anno precedente. Il debito, nel momento in cui fu iscritto a ruolo, era rapportato alla dichiarazione, allora nota, di 118 mq.

Dunque, la cartella esattoriale è stata formulata correttamente nell'importo al tempo dovuto.

La differenza fra quanto avrebbe dovuto pagare in base alla metratura accertata e quanto era obbligato a pagare in base alla dichiarazione infedele, le verrà richiesto in un'unica soluzione e sarà riferito ai cinque anni precedenti la data di accertamento.

Dal prossimo anno dovrebbe ricevere a casa la richiesta di versamento della Tarsu in base alla reale estensione dell'immobile soggetto a tassazione.

13 settembre 2014 · Annapaola Ferri

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

avviso di accertamento per TARSU TARI o TIA

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Modifica d'ufficio della superficie dell'immobile per conguaglio TARSU - illegittima la notifica per affissione pubblica
L'articolo 70, comma 3, del decreto legislativo 15 novembre 1993, numero 507, prevede che a decorrere dal 1 gennaio 2005, per le unità immobiliari di proprietà privata a destinazione ordinaria censite nel catasto edilizio urbano, la superficie di riferimento non può in ogni caso essere inferiore all'80% della superficie catastale. ...
Termine di 30 giorni per opporsi ad una cartella esattoriale per omessa notifica del verbale di multa
L'articolo 7 del DL 150/2011 (intitolato dell'opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada), prevede, al comma 3, che il ricorso è proposto, a pena di inammissibilità, entro trenta giorni dalla data di contestazione della violazione o di notifica del verbale di accertamento (sessanta se il ricorrente ...
Agevolazioni fiscali prima casa - cantine sottotetti e superfici esterne non computabili per metratura case di lusso
Per fruire delle agevolazioni prima casa, non sono computabili ai fini del calcolo della superficie le cantine ed i sottotetti, nonchè la superficie esterna in quanto pertinenza del condominio. Pertanto, devono considerarsi di lusso e come tali escluse dalle agevolazioni prima casa, le unità abitative composte di uno o più ...
Ricorso alla cartella esattoriale – giudice competente e termini per tipo di credito e natura del vizio
I termini sopra indicati sono previsti a pena di decadenza. Se la cartella esattoriale comprende una pluralità di crediti di diversa natura (tributi, sanzioni amministrative, crediti previdenziali, etc.) bisognerà proporre tante azioni quante sono le diverse Autorità competenti. Precisiamo ulteriormente: riguardo i vizi attinenti il merito del credito, è possibile ...
Bollo auto » E' legittima la riscossione forzata anche se manca l'accertamento
E' valida la riscossione del bollo auto, o tassa di circolazione, anche senza l'accertamento: non è importante la notifica dell'infrazione perché l'imposta non colpisce più l'illecita circolazione dei veicoli. I Comuni possono procedere al recupero forzoso delle tasse automobilistiche semplicemente inviando l'avviso di liquidazione, senza bisogno che quest’ultimo venga preceduto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca