Accantonamento delle somme disponibili sul conto corrente del debitore dopo notifica pignoramento: gli interessi nel frattempo maturati a chi spettano?

A gennaio, alla banca presso cui detengo un rapporto di conto corrente è stato notificato, in qualità di terzo pignorato, un atto di pignoramento: da allora, sono in attesa dell’udienza di assegnazione del giudice, che si terrà il mese prossimo.

Sulla somma accantonata, devono essere corrisposti gli interessi nel frattempo maturati?

Nonostante i tassi di interesse attivi siano attualmente posizionati allo zero virgola (poco ci manca che siano negativi) – per cui una giacenza media in conto corrente di 10 mesi di somme non rilevanti, al netto delle spese di gestione, frutta qualche centesimo se va bene, e se va male magari bisogna rifonderci qualcosa – la banca terza pignorata dovrà consegnare al giudice, per l’assegnazione al creditore procedente, anche gli interessi nel frattempo maturati.

Infatti, i giudici della Corte di cassazione, con la sentenza 15308/2019, hanno stabilito che in caso di sequestro conservativo o di pignoramento di crediti, il terzo sequestratario o pignorato, costituito per legge custode delle somme pignorate, è tenuto alla corresponsione degli interessi nella misura prevista dal rapporto da cui origina il credito pignorato e con le decorrenze ivi previste.

Va ricordato anche che, ai sensi dell’articolo 2912 del codice civile, il pignoramento comprende gli accessori, le pertinenze e i frutti della cosa pignorata.

17 Settembre 2019 · Simonetta Folliero



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti