Divorzio » Come si calcola la quota TFR che spetta all'ex moglie?

In tema di separazione e divorzio, come è calcolata la quota del TFR spettante alla ex moglie?

Nel procedimento di divorzio la quota di Tfr che spetta alla ex moglie va quantificata sulla scorta del Tfr netto corrisposto in precedenza al marito.

Infatti, l’articolo 2120 Cc ammette il lavoratore a richiedere in costanza di rapporto anticipazioni sul Tfr già maturato, confermando così la piena disponibilità su parti del trattamento con l’acquisizione delle somme percepite al matrimonio.

Inoltre, l’articolo 12 bis legge Divorzio non può che interpretarsi nel senso di garantire al coniuge beneficiario la corresponsione di una quota di Tfr, calcolata sulla somma che viene corrisposta al lavoratore successivamente alla sentenza di divorzio (nella specie, è stata correttamente quantificata la quota spettante alla moglie sulla scorta del Tfr netto corrisposto al marito e non sul lordo.

In caso contrario, infatti, questi sarebbe tenuto a corrispondere alla moglie una quota in relazione a un importo dallo stesso non percepito, siccome gravato dal carico fiscale).

Questo, in pillole, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione in merito a separazione e Tfr, con la pronuncia 24421/13.

Divorzio e TFR: considerazioni sulla sentenza

In un procedimento di divorzio, la Corte d’Appello aveva determinato la quota di TFR a favore di un ex moglie.

Nel farlo, aveva effettuato il calcolo secondo quanto percepito dal marito, nel Tfr, solo dopo l’instaurazione del giudizio divorzile.

Erano stati esclusi dalla quota, quindi, gli acconti incamerati dal marito durante la separazione personale.

La donna, però, aveva effettuato ricorso per Cassazione.

A suo parere si sarebbe dovuto fare riferimento all’intero TFR liquidato al coniuge, comprensivo degli acconti percepiti prima dell’instaurazione del divorzio.

Ma secondo la Sesta Sezione Civile, invece, nella determinazione della quota del TFR spettante all’ex coniuge, non va tenuto conto di anticipazioni percepite dall’ex marito durante la convivenza matrimoniale o la separazione personale.

Ciò, perchè si tratta di entrate nell’esclusiva disponibilità dell’avente diritto.

Dunque, secondo Piazza Cavour la quota spettante alla moglie è stata quantificata sulla scorta del TFR netto corrisposto al marito e non sul lordo.

In caso contrario, l’ex marito sarebbe tenuto a corrispondere alla moglie una quota in relazione a un importo dallo stesso non percepito, siccome gravato dal carico fiscale.

Pertanto, ricorso respinto.

20 Novembre 2013 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Divorzio - il diritto dell'ex coniuge ad una quota del TFR
Divorzio: il diritto dell'ex coniuge ad una quota del TFR In caso di divorzio, l'ex coniuge ha diritto al 40% del TFR percepito dall'altro dopo la proposizione della domanda di divorzio. L'articolo 12-bis della legge 898/70 stabilisce che il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto sia titolare di assegno di mantenimento divorzile, ad una percentuale dell'indennità di fine rapporto (TFR) percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del rapporto di lavoro, anche se l'indennità viene a maturare dopo ...

Separazione » Ex moglie aveva bruciato carriera per dedicarsi alla famiglia: Sì ad un super assegno di mantenimento
Separazione e divorzio: una carriera bruciata per dedicarsi alla famiglia. Concesso un assegno di mantenimento faraonico all'ex moglie. Riconosciuto l'assegno di mantenimento di € 4.000,00 in favore della ex coniuge poiché quest’ultima non aveva i mezzi per mantenere il tenore di vita goduto durante il matrimonio né la possibilità di procurarseli da sola. Ciò, perché aveva interrotto l'attività lavorativa durante il matrimonio e non era possibile un suo reinserimento nel mondo del lavoro, né vi era prova che avesse rifiutato offerte di lavoro. Il tenore di vita coniugale era molto alto, tenuto conto del notevole patrimonio immobiliare e delle liquidità ...

Divorzio e assegno divorzile
L'assegno divorzile è previsto dall'articolo 5 della legge sul divorzio numero 898 del 1970. Il presupposto per applicare l'assegno divorzile ricorre quando un coniuge (o meglio ex coniuge) non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive. Qualora vi sia questo presupposto, il Tribunale disporrà che il coniuge "forte" versi a favore dell'altro un assegno per il suo mantenimento. Come si quantifica tale assegno? In base alla legge, i criteri a cui fare riferimento sono i seguenti: condizioni dei coniugi ragioni del divorzio contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su divorzio » come si calcola la quota tfr che spetta all'ex moglie?. Clicca qui.

Stai leggendo Divorzio » Come si calcola la quota TFR che spetta all'ex moglie? Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 20 Novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)