Divorzio » Se ex coniuge convive con un altro niente assegno di mantenimento

Se dopo il divorzio l'ex moglie convive con un altro, non ha più diritto all'assegno di mantenimento.

Infatti, la convivenza con un altro uomo rescinde ogni presupposto per la riconoscibilità di un assegno divorzile.

E' questo, in breve, l'orientamento proposto dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 25845/13.

Nuova convivenza dopo divorzio? Niente assegno. Le considerazioni

Dopo la sentenza definitiva di divorzio, veniva imposto all'ex marito di contribuire al mantenimento dei 2 figli minori, con il pagamento sia dell'importo mensile di 1.600 euro complessivi annualmente rivalutabili, sia del 50% delle loro spese straordinarie.

Solo in Corte di appello la donna riusciva ad ottenere un assegno divorzile di 200 euro mensili e il pagamento, da parte dell'ex, dei 2/3 delle spese straordinarie dei figli anziché il 50%.

Questo perché, secondo i giudici di merito, la donna era disoccupata e a nulla rilevava la convivenza della stessa con altro uomo, da cui aveva avuto un altro figlio.

A proporre ricorso per cassazione è l'ex marito, il quale riesce ad ottenere il rigetto della domanda di assegno divorzile proposta dalla donna in appello.

Gli Ermellini, infatti, hanno ricordato che, in tema di diritto di corresponsione dell'assegno di divorzio in caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il parametro dell'adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei coniugi viene meno di fronte all'instaurazione, da parte di questi, di una famiglia, ancorché di fatto, la quale rescinde, quand'anche non definitivamente, ogni connessione con il livello ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale e, conseguentemente, ogni presupposto per la riconoscibilità di un assegno divorzile.

Niente da fare quindi per la donna, che non riceverà alcun assegno di divorzio.

21 novembre 2013 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Divorzio » Il diritto all'assegno divorzile può essere riconosciuto anche dopo il decesso dell'ex coniuge obbligato
Divorzio: sì all'assegno divorzile anche dopo la morte dell'ex coniuge. Infatti, può essere ottenuta una quota della pensione di reversibilità anche dopo il decesso dell'ex consorte. Il diritto all'assegno di divorzio può essere riconosciuto anche dopo la morte dell'ex coniuge, se avvenuta nel corso del giudizio. Lo ha stabilito la ...
Divorzio e assegno divorzile
L'assegno divorzile è previsto dall'articolo 5 della legge sul divorzio numero 898 del 1970. Il presupposto per applicare l'assegno divorzile ricorre quando un coniuge (o meglio ex coniuge) non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive. Qualora vi sia questo presupposto, il Tribunale disporrà che il ...
Assegno divorzile: cosa accade quando il coniuge divorziato forma una nuova famiglia, anche di fatto » Obblighi di mantenimento del figlio maggiorenne non convivente
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, anche di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge. Il relativo diritto non ...
No all'assegno divorzile per il coniuge beneficiario che forma una nuova famiglia di fatto
L'instaurazione da parte del coniuge divorziato di una nuova famiglia, ancorché di fatto, rescindendo ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge, sicché il relativo diritto ...
Il coniuge più debole può chiedere l'assegno di mantenimento al giudice italiano dopo che un giudice di uno Stato Europeo ne abbia dichiarato il divorzio
La legge sul divorzio, nel prevedere che con la sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, il tribunale dispone, tenuto conto delle condizioni economiche dei coniugi e delle ragioni della decisione, l'obbligo per uno dei coniugi di somministrare a favore dell'altro periodicamente un assegno ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su divorzio » se ex coniuge convive con un altro niente assegno di mantenimento. Clicca qui.

Stai leggendo Divorzio » Se ex coniuge convive con un altro niente assegno di mantenimento Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 21 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca